Sette borse di studio per i figli degli operai dell’Ilva in difficoltà o a rischio licenziamento. Il cantautore milanese Biagio Antonacci lo aveva promesso a dicembre del 2012, pochi giorni prima di un concerto al Palamazzola di Taranto. In quei mesi era accaduto di tutto: indagati, arresti, la città paralizzata da migliaia di lavoratori. Lo scandalo e lo spettro di un disastro ambientale. È una storia ormai nota e che non è affatto finita. Già in altre occasioni il cantautore aveva utilizzato la sua popolarità per aiutare cittadini in momenti particolarmente difficili: è accaduto, per esempio, quando lanciò un appello ai colleghi artisti affinché donassero il cachet di un loro concerto a favore dei terremotati per l’Emilia Romagna. Ora queste borse di studio aiuteranno ragazzi pugliesi e saranno intitolate alla memoria del papà del cantautore, Paolo Antonacci, originario di Ruvo di Puglia.

LA PROMESSA Il 5 dicembre 2012, a pochi giorni dal concerto di Taranto, la sua dedica alla Puglia “la regione dalla quale in parte provengono le mie origini” e alla quale si è sempre sentito molto legato. Dalle gite con i genitori a Gallipoli, fino ai tour estivi dopo la popolarità. “Per giorni e giorni – raccontò ormai più di tre anni fa – ho pensato a lungo se fosse stato giusto suonare, cantare e fare spettacolo in occasione del concerto che il prossimo 8 dicembre terrò a Taranto, città con una popolazione così fortemente colpita dalla vicenda dell’Ilva”. Chiara la premessa: “Ritengo che la cosa migliore in questi casi sia, per chi è in grado di farlo, intervenire direttamente al fine di dare un contributo reale e concreto”. La decisione fu quella di devolvere un importo pari al compenso che gli spettava per quel concerto “quale corrispettivo – spiegò – per la mia prestazione artistica, affinché possa servire realmente ad aiutare, almeno in parte, coloro che da questa vicenda vivono attualmente grosse difficoltà”.

CACHET DEVOLUTO ALL’UNIVERSITÀAntonacci è stato di parola. Proprio come aveva  annunciato si è avvalso della consulenza del notaio milanese Luciano Quaggia, a garanzia del migliore utilizzo possibile della somma donata, affinché venisse devoluta all’associazione o all’istituzione che avesse presentato l’iniziativa più meritevole secondo il cantautore. Il cachet è stato devoluto e il Senato accademico dell’Università di Bari ha certificato la donazione per un ammontare di 30mila euro. E mentre nel 2012 Antonacci decise di rendere pubblica la sua intenzione per “far giungere più proposte possibili da vagliare”, non c’è stata alcuna dichiarazione in tal senso in questi giorni. E sui social neppure un cenno, per non strumentalizzare il gesto. Ad annunciarlo è stato infatti il rettore dell’Università Antonio Felice Uricchio che, al termine della seduta del Senato accademico, ha ringraziato il cantautore milanese e ha illustrato i contenuti della relazione del Dipartimento per gli studenti e la formazione post laurea.

PRONTO IL BANDO – Per conto del cantautore, il fratello Graziano Antonacci ha manifestato la volontà di devolvere l’importo corrisposto all’artista all’Università di Bari per finanziare dal prossimo anno accademico delle borse di studio a sostegno di studenti, figli di dipendenti dell’Ilva in difficoltà economica, per tutto il loro percorso universitario. Tra questi ragazzi ci saranno probabilmente anche figli di operai deceduti mentre lavoravano all’interno dello stabilimento siderurgico. Sono sette le borse di studio che si è stabilito di istituire e assegnare attraverso un concorso pubblico. Saranno intitolate alla memoria di Paolo Antonacci, padre del cantautore scomparso due anni fa e originario di Ruvo di Puglia. Il bando è già stato predisposto.