In questi giorni di lancio del Fatto Social Club, molti lettori – qui sul sito – hanno fatto la stessa obiezione: tutto molto bello, la comunità, i corsi di giornalismo, le aziende partner, le newsletter e così via, ma perché diavolo dovremmo pagarvi? Che cosa avete di speciale? E, soprattutto, perché dovremmo darvi dei soldi per leggere qualcosa che in gran parte abbiamo già gratis? (Leggi il post integrale di Stefano Feltri)