Coniglietti e anatre decapitate. Galline schiacciate e uccise a colpi di scarpone. Paperi straziati, molto probabilmente da un cane che è stato aizzato contro di loro. Dappertutto uova da cova, tirate fuori dai nidi e scagliate lontano. Una vera strage. Di animali. Ripetuta per due volte, nella notte di sabato e nella successiva notte di domenica. E’ accaduto a Spinea, in provincia di Venezia, nel parco “Sos Natura”, dove i teppisti sono tornati a finire il lavoro che avevano già cominciato. Scene raccapriccianti, che sono state mostrate in un video girato da Enrico Piva, il responsabile del parco-natura che attrae tanti bambini. “Ci troviamo di fronte a un gesto mafioso, devono pagarla”.

Già domenica mattina la notizia aveva creato scalpore e subito erano stati avvisati i carabinieri. Piva, sconvolto, aveva già lanciato un primo anatema. “Macché raid di qualche predatore notturno, questo orrore può averlo compiuto solo un uomo. Giuro che quando lo trovo lo ammazzo, non m’importa se vado in galera, ma il responsabile deve pagare”. Piange quest’uomo amante degli animali, dai lunghi capelli biondi. E’ stato lui a creare l’oasi faunistica nella campagna veneziana. Ha realizzato un laghetto, ha costruito le casette e i ricoveri per gli animali, staccionate e percorsi. Il primo bilancio era ancora provvisorio: “Me ne hanno uccisi 95. Non avrei mai pensato di assistere a un orrore del genere. Fino a sabato alle 23 era tutto tranquillo”. E’ stato il padre, domenica mattina, a scoprire il disastro. Naturalmente le ipotesi si si sono sprecate. Vandali è dir poco. Un balordo non è in grado di produrre tanta ferocia. E’ stata come un’esplosione di odio incontrollato. Che l’Oasi possa infastidire qualcuno? “Non ho nemici – risponde Piva – non capisco a chi possiamo dare fastidio. Io raccolgo animali feriti da tutto il Veneto e li curo, li accudisco”. Una passione autofinanziata, con lo stipendio e la pensione del padre. Indizi? Qualche tempo fa una stranezza, alcune carte da poker abbandonate sul terreno, con segni di bruciatura. Ma da questo all’ipotesi di strani rituali ce ne corre.

Ieri la scoperta del nuovo raid notturno. E così il numero degli animali uccisi supera le 130 unità. E’ intervenuto perfino il governatore del Veneto, Luca Zaia: “Non sono vandali, ma criminali a tutto tondo. E’ gente priva di rispetto per ogni forma di vita, che mi auguro venga presto individuata e punita con la maggior durezza possibile”. Ma ciò che colpisce è la reiterazione e il senso di impunità. Per questo Zaia ha aggiunto: “Sono tornati per completare la loro opera criminale ed hanno massacrato altri animali. Non ci sono parole, se non la condanna senza appello. Questa è barbarie di menti malate o tragicamente vuote, dei responsabili. Ogni vita in natura rappresenta qualcosa di speciale e merita un’attenzione speciale: in questo caso anche una punizione speciale”.

“Prima o dopo ti trovo”. Di fronte all’escalation, Piva ha deciso di girare un video e mettere in rete immagini raggelanti. “Qualcuno dice che è stata una volpe, ma questi sono stati schiacciati con il piede. Io non mi arrendo”. I superstiti sono un cigno, una papera e un anatroccolo. Numerose le reazioni in sede locale. Mauro Armelao, consigliere comunale del gruppo misto: “Pregate che Enrico Piva non vi trovi. Serve tolleranza zero”. Massimo De Pieri, Movimento 5 Stelle: “Vigliacchi, senza cuore e senza rispetto. Spero che vengano presi e puniti in modo esemplare”.