Adele è tornata, e si continua giustamente a parlare di lei. Se solo negli ultimi giorni si era sottolineato come, a distanza di una settimana dalla sua uscita Hello, nuovo singolo della cantante londinese, aveva stracciato tutti i record di download, superando il milione e centomila già detenuto da Taylor Swift.

Se ieri si era parlato di questa leggenda metropolitana, figlia diretta della notizia del record di download, che voleva Taylor Swift e il suo staff indaffarati come non mai a cancellare tutti i link relativi a Hello dai social, roba vagamente da fantapolitica. E già dalle prime ore dopo la messa online del video c’era stata tutta una viralizzazione di meme in cui si giocava su inesistenti similitudini con l’omonima Hello di Lionel Richie, con lo stesso soulman a metterci del suo, con ironia.

Insomma, se negli ultimi giorni molto si è parlato del ritorno in scena di Adele, dimagrita e tutto, e ben pronta a riconquistare il trono da regina del pop con l’imminente 25, terzo attesissimo album, oggi è la volta di una nuova notizia, stavolta fastidiosa. L’accusa che alcuni internauti rivolgono a Adele è di quelle pesanti, che non fossero rivolte a lei da perfetti sconosciuti in rete, potrebbe portare a un’aula di tribunale.

Alcuni fan di Tom Waits, infatti, l’hanno pubblicamente accusata di aver plagiato Martha, brano del cantautore americano datata 1973. Stessa melodia, sostengono i fan piccati, stessa tematica presente nel brano, una telefonata tra ex amanti che non si sentono più da molto tempo. A insinuare il dubbio, partendo dal presupposto che, utilizzo del piano a parte, non ci sembra di ravvisare troppe somiglianze tra i brani, le dichiarazioni del producer di Adele, Greg Kurstin, che ha sempre indicato in Tom Waits uno dei propri punti di riferimento. In realtà, il diretto interessato face, il che fa pensare non ci siano cause in vista. Semplicemente, anche per oggi, si parla di Adele e del suo nuovo singolo, Hello, apripista del suono nuovo album 25. La notizia di domani ancora non la conosciamo, ma basterà portare solo qualche ora di pazienza.