Anche in Italia c’è uno Stato greco, inutile e pieno di gente pagata che non fa niente, come ad esempio i vigili di Palermo. La Sicilia è la Grecia d’Italia. Il governo regionale siciliano andrebbe commissariato, ha un numero enorme di dipendenti che non fanno niente e che andrebbero licenziati domani mattina. A Palermo non vedi un solo vigile che lavora. Forse qui i vigili saranno invisibili e quindi dovrebbero essere pagati in euro invisibili”. Così il politologo americano Edward Luttwak, durante un’intervista telefonica rilasciata a “La Zanzara”, su Radio24. “La differenza tra Italia e Grecia” – spiega Luttwak – “è che che in Italia c’è anche gente che lavora. In Grecia il numero delle persone che lavorano è molto basso e pretendono che sia l’Europa a pagare tutti questi dipendenti pubblici che non lavorano. La Grecia è piena di disoccupati e di extracomunitari che lavorano. Oggi c’è la falsa compassione nei confronti dei greci, come quando hai un figlio di 35 anni che non lavora e gli dai comunque la minestra. La vera compassione è non dargli la minestra, così lui esce e va a pulire i gabinetti in quei posti in cui oggi lavora un marocchino”. Poi accusa il pontefice: “Mentre papa Francesco pensa che ogni forma di lavoro è negativa perché deturpa la natura, io propendo per la filosofia asiatica: l’importante è lavorare. Varoufakis? Non è idiota, né un mostro, come non lo è la Merkel. Lui è un accademico, è una persona simpatica, telegenica, è stato un bravo professore, scrive bei libri ben quotati. Lui è semplicemente uno che si è divertito a gestire la crisi greca e a fare il ministro delle Finanze, quando chiunque sta al governo deve in realtà soffrire. Lui invece faceva mille dichiarazioni e tre conferenze stampa al giorno”. Luttwak si esprime anche sui politici italiani che hanno sostenuto il “no” del referendum greco: “Grillo, Vendola e tutti gli altri che sono andati ad Atene sono degli irresponsabili, perché hanno appoggiato e applaudito l’irresponsabilità. Renzi? Ha molta buona volontà, ma ha una squadra debole di politici, il che è diventato molto costoso. La Mogherini, ad esempio, deve dare necessariamente le dimissionidi Gisella Ruccia