Il compagno di sua madre cerca di farle mangiare della carne. Ma Indie-Rose, questo il nome della bimba irlandese di cinque anni che sta facendo il giro della rete in un video dove piange disperata davanti alla sua porzione di tacchino. “Gli animali sono carini, non voglio che vengano tritati”, spiega all’uomo che la riprende. E un piccolo malinteso ci costringe a riflettere: “Non devono tritare le persone (people)”, dice lei. “Non tritano le persone, ma gli animali: maiali, bovini, tacchini, polli”, risponde l’adulto. E allora lei chiarisce: “Non devono tritare le persone animali“. La madre della bambina ha tenuto a precisare che nessuno in famiglia è vegetariano, e Indie-Rose non ha subito alcun tipo di pressione per quella che, ad ora, è una sua scelta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

California, 12enne centrato in pieno da un aereo che precipita sulla spiaggia. E’ salvo

prev
Articolo Successivo

Luttwak: “Sicilia? E’ la Grecia d’Italia, inutile e piena di gente pagata che non fa niente”

next