Anche in Italia c’è uno Stato greco, inutile e pieno di gente pagata che non fa niente, come ad esempio i vigili di Palermo. La Sicilia è la Grecia d’Italia. Il governo regionale siciliano andrebbe commissariato, ha un numero enorme di dipendenti che non fanno niente e che andrebbero licenziati domani mattina. A Palermo non vedi un solo vigile che lavora. Forse qui i vigili saranno invisibili e quindi dovrebbero essere pagati in euro invisibili”. Così il politologo americano Edward Luttwak, durante un’intervista telefonica rilasciata a “La Zanzara”, su Radio24. “La differenza tra Italia e Grecia” – spiega Luttwak – “è che che in Italia c’è anche gente che lavora. In Grecia il numero delle persone che lavorano è molto basso e pretendono che sia l’Europa a pagare tutti questi dipendenti pubblici che non lavorano. La Grecia è piena di disoccupati e di extracomunitari che lavorano. Oggi c’è la falsa compassione nei confronti dei greci, come quando hai un figlio di 35 anni che non lavora e gli dai comunque la minestra. La vera compassione è non dargli la minestra, così lui esce e va a pulire i gabinetti in quei posti in cui oggi lavora un marocchino”. Poi accusa il pontefice: “Mentre papa Francesco pensa che ogni forma di lavoro è negativa perché deturpa la natura, io propendo per la filosofia asiatica: l’importante è lavorare. Varoufakis? Non è idiota, né un mostro, come non lo è la Merkel. Lui è un accademico, è una persona simpatica, telegenica, è stato un bravo professore, scrive bei libri ben quotati. Lui è semplicemente uno che si è divertito a gestire la crisi greca e a fare il ministro delle Finanze, quando chiunque sta al governo deve in realtà soffrire. Lui invece faceva mille dichiarazioni e tre conferenze stampa al giorno”. Luttwak si esprime anche sui politici italiani che hanno sostenuto il “no” del referendum greco: “Grillo, Vendola e tutti gli altri che sono andati ad Atene sono degli irresponsabili, perché hanno appoggiato e applaudito l’irresponsabilità. Renzi? Ha molta buona volontà, ma ha una squadra debole di politici, il che è diventato molto costoso. La Mogherini, ad esempio, deve dare necessariamente le dimissionidi Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vegetariana a 5 anni, le sue lacrime diventano cult: “Non tritate le persone animali”

next
Articolo Successivo

Isis, la Tunisia: “Un muro al confine con la Libia per fermare jihadisti”

next