Che certi ambienti culturali che potremmo definire “novecenteschi” non amassero particolarmente il Web e i social network era cosa nota. Ma ieri c’ha pensato Umberto Eco, l’intellettuale più noto d’Italia, a rincarare la dose. Ricevendo la laurea honoris causa in Comunicazione e Culture dei Media all’Università di Torino, l’autore de Il Nome della Rosa e Il pendolo di Foucault non le ha certo mandate a dire: “I social permettono alle persone di restare in contatto tra loro, ma danno anche diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano al bar dopo un bicchiere di vino e ora hanno lo stesso diritto di parola dei Premi Nobel”.

Parole durissime, ma dietro l’attacco c’è anche una riflessione più specifica su un tema che non può essere ignorato: “Il grande problema della scuola oggi è insegnare ai ragazzi come filtrare le informazioni di Internet. Anche i professori sono neofiti di fronte a questo strumento”. Il problema delle fonti esiste, e non solo per i ragazzi a scuola. Sono i media i primi che rischiano di restare impelagati tra le secche delle bufale, ma forse basta saper fare il proprio mestiere con scrupolo per evitare tali intoppi.

L’opinione di Umberto Eco è in controtendenza anche per quel che riguarda il futuro dei giornali. Secondo il professore e scrittore non spariranno, soprattutto in questa fase in cui proliferano “bufale e riletture storiche fantasiose” sul Web: “Sono fedele a Hegel, che diceva che la lettura del giornale è la preghiera quotidiana dell’uomo moderno. Si tornerà all’informazione cartacea“. Convinzione sincera o battaglia di retroguardia venata di snobismo, Umberto Eco forse è uno dei pochi intellettuali che, in Italia, può permettersi di andare controcorrente. A torto o a ragione, quella è un’altra storia.