Drones – Muse
Uscita: 9 giugno
Tracklist
1.Dead Inside
2. [Drill Sergeant]
3. Psycho
4.Mercy
5.Reapers
6.The Handler
7. [JFK]
8.Defector
9.Revolt
10.Aftermath
11.The Globalist
12.Drones

MUSE_DRONES-COVER-2400Libertà e oppressione, consapevolezza e alienazione, uomo e macchina: è nella tensione tra estremi opposti che si compie la narrazione di ‘Drones’, il nuovo album dei Muse, in uscita il 9 giugno. Settimo lavoro in studio per la band di Matt Bellamy che, a tre anni da The 2nd Law, torna con un’opera rock intrisa di oscurità e paranoia. L’appuntamento per l’intervista con i tre di Teignmouth è in un noto hotel milanese: Bellamy siede in un piccolo divano bohémien, è rilassato e, quasi a smentire le voci che lo descrivono “scontroso”, molto cordiale. Parla di questo nuovo lavoro con l’entusiamo consapevole di chi ne dà quasi per scontato il successo e, d’altra parte, un concept album che ruota attorno alla ‘progressiva disumanizzazione’ del mondo, simbolicamente rappresentata dall’invasione dei droni, è terreno fertile per la poetica dei Muse.

Copertina che rimanda a The Wall e porta subito alla mente riferimenti orwelliani, “in Drones – spiega Bellamy – c’è una narrazione principale che va da Dead Inside ad Aftermath. È il racconto di una persona che perde la fede e la sicurezza in se stessa, diventando facilmente manipolabile finché, con il brano The Handler, non arriva ad una presa di coscienza”: “I don’t want to be used by others. I don’t want to be controlled. I don’t want to be a cold, non-feeling person. I want to actually feel something”. Un discorso alla stampa di JFK (1961) centrato sull’indipendenza e sulla libertà di pensiero porta all’epilogo di Aftermath, dove il senso di inquietudine si fa (appena) meno pressante e il protagonista sembra ritrovare fiducia nell’umanità e nell’amore.

“In Drones le istanze politiche si legano a quelle personali, così che la ‘cospirazione delle macchine’ diventa una metafora per parlare della mancanza di empatia nelle relazioni moderne: il drone, simbolo della perfezione e dell’infallibilità del robot, prende il sopravvento sull’imperfezione umana, sui sentimenti”. Ed è proprio la titletrack a chiudere il cerchio d’ascolto: “My mother, my father, my sister and my brother, my son and my daughter killed by drones”, recitano le liriche del brano che si chiude con una Missa Papae Marcelli, composta da Pierluigi da Palestrina nel 1562 e ‘rivisitata’ dallo stesso Ballamy.

“Ho iniziato ad interessarmi ai droni – racconta Matt – leggendo un libro sul massiccio impiego di queste macchine nelle operazioni di guerra, soprattutto in Afghanistan (Predators -The CIA’s Drone War on al Qaeda Dartmouth del professor Brian Glyn Williams, ndr). Ho appreso che intelligenza artificiale e droni saranno sempre più integrati, così che la decisione di uccidere qualcuno potrà essere presa da un robot e non da un altro essere umano. Mi è sembrata un’interessante metafora del futuro, attorno alla quale far ruotare l’intero concept del disco”. E l’attenzione che Matt riserva all’attualità politica lo porta a parlare anche di federalismo: “E’ l’unico modo per proteggere i diritti del cittadino. – dice – Il governo centrale, così lontano dai bisogni reali della comunità, finisce per far sentire le persone disconnesse dalla politica”.

Con Drones, i Muse sembrano aver voluto prendere le distanze dalle modalità d’ascolto veloce innescate da piattaforme modello Spotify: “Un album come questo, che è una storia con un inizio e una fine e nel quale ogni brano è legato al successivo, rende quasi impossibile un ascolto disattento – dice Dom Howard, il 37enne batterista – E’ esattamente questo il disco che volevamo fare: non ci interessava mettere insieme un “collage di canzoni””. Difficile immaginare i dodici brani di Drones in cima alle classifiche ma Matt Bellamy, Dominic Howard e Chirs Wolstenholme, 17 milioni di copie vendute nel mondo, sembrano non preoccuparsene, consapevoli di non aver bisogno del ‘timbro mainstream’ per confermarsi una della band più solide del panorama contemporaneo.

Anticipato da due brani (“Pshyco” e “Dead Inside”) e dallo Psycho Uk Tour, realizzato con l’obiettivo di ‘testare il disco dal vivo’, la produzione Drones non è stata seguita direttamente dalla band, come nei due lavori precedenti, ma è stata affidata a Robert “Matt” Lange (quello di Back is Black degli AC/DC e di Hysteria di Def Leppard): “Avvalerci di un produttore – ha detto Bellamy – ci ha permesso di concentrarci sul nostro essere musicisti e performer”. I tre di Teignmouth porteranno “Drones” in tour già a partire da settembre: “Saremo prima in Asia e Sud America – racconta Bellamy – e verso la fine dall’anno in Nord America. In Italia torneremo (dopo la data del 18 luglio al Rock in Roma festival) all’inizio del 2016 ma niente stadi: questa volta faremo più serate ma in spazi più piccoli, così da avere un maggior controllo sugli effetti speciali e sulle tecnologie – droni compresi – che vogliamo utilizzare”.