Una adolescente si è fatta saltare in aria in un affollato mercato nella città di Maiduguri, nel nord-est della Nigeria sotto attacco dei terrortisti islamici di Boko Haram, uccidendo decine di persone. Lo affermano testimoni, che riferiscono di aver contato almeno 34 corpi in terra e molti feriti.

Altre quattro persone sono rimaste uccise in seguito ad un’altra esplosione avvenuta nel pomeriggio a Maiduguri. Lo hanno riferito alcuni testimoni e una fonte di un ospedale locale, secondo cui i corpi delle vittime sono stati portati all’obitorio della struttura. Erano circa le 4 del pomeriggio (ora locale) quando si è verificata l’esplosione in una rotatoria a El-Kanemi, zona della capitale dello Stato di Borno. Secondo quanto raccontato da un medico, i corpi di alcuni dei feriti sono stati ustionati in modo grave. Secondo un testimone, inoltre, la deflagrazione è stata talmente forte da scuotere anche alcuni edifici della zona. Le esplosioni di oggi sono avvenute ad appena tre giorni dalla serie di attacchi di attentatori kamikaze, due in mercati affollati e uno in una stazione di autobus, che hanno provocato oltre 50 morti e 56 feriti.