Dietro la scintillante facciata dell’istruzione migliore al mondo, a suon di dollari da risarcire per molti anni ancora dopo la laurea, si nasconde un’insidia – non nuova – di cui si possono solo intuire le proporzioni (non esistono, ad oggi, dati certi). Si tratta delle violenze, molestie o stupri in piena regola, da cui devono difendersi le studentesse all’interno dei campus americani. Secondo le stime, circa il 25% delle donne subisce violenza sessuale durante gli anni del college.

Il fenomeno è complesso e smentisce la tesi secondo cui un’alta istruzione assicura una levatura morale. Uno dei principali fattori scatenanti – oltre al desiderio di conquista e supremazia dell’uomo nei confronti della donna – è il tasso alcolico durante le feste, in particolare, quelle organizzate nelle case delle Confraternite.

E’ di ieri un articolo apparso in prima pagina sul New York Times, dove viene proposto di dislocare le feste nelle case delle Sororities. In molti sostengono che dando alle ragazze il vantaggio di giocare “in casa”, si avrebbe la possibilità di feste più regolamentate.

Una delle cause che portano a episodi di violenza durante le feste dai ragazzi, è che in un attimo si può essere condotte ai piani di sopra, direttamente nelle camere degli studenti. E’ più difficile sbattere fuori un compagno troppo insistente da casa sua, che non il contrario.

Si ipotizza che se le feste fossero in mano alle ragazze – bisognerebbe ovviamente cambiare il regolamento che da anni vieta la distribuzione di alcol all’interno delle associazioni femminili – ci sarebbe più senso di protezione; verrebbe garantito un livello di vigilanza messa in atto da soggetti prestabiliti e sobri.

Organizzando l’evento, le ragazze avrebbero inoltre il vantaggio di decidere cosa mettere dentro i punch serviti gratuitamente agli invitati. L’anno scorso alla Brown University (una delle otto facenti parti la Ivy League), una confraternita è stata chiusa dopo che ad una ragazza era stato servito un cocktail contenente Ghb, un sedativo conosciuto come droga da stupro. Nelle confraternite viene servito alcol anche a chi è già visibilmente ubriaco e – come sostiene una studentessa della George Washington – c’è la netta sensazione di entrare in un luogo dove “il leone è seduto in un angolo e osserva la gazzella arrivare”.

Resta innegabile il problema – intrinseco nella società americana, ma di rapida esportazione culturale anche altrove – dell’abuso di alcol.

Negli ultimi mesi, Emma Sulcowicz ha catalizzato l’attenzione sul problema, mettendo in atto un progetto efficace quanto immediato. In qualsiasi parte del campus si trovi, porta con sé il proprio materasso. L’iniziativa nasce come protesta nei confronti dell’università, la Columbia (un’altra della Ivy League), che ha deciso di non punire lo studente accusato di stupro da lei e altre due studentesse.

Sono numerosi, come spesso accade in altri frangenti, i casi che non vengono denunciati alla polizia; le donne dicono di provare un senso di colpa o vergogna e preferiscono affossare l’esperienza dentro una cavità remota della loro memoria.

In Italia, negli ultimi quindici anni, il consumo di alcool tra le adolescenti è raddoppiato, e sono molti gli studi che evidenziano il legame stretto tra alcol e aggressioni sessuali.

Le donne si sono appropriate della libertà di divertirsi come più gli garba, bevendo e allentando quelle briglie a lungo troppo strette, ma il lupo della fiaba se ne rimane a piede libero, sotto le mentite spoglie di un mite compagno di scuola.