“Tanti dirigenti che noi conosciamo sono corrotti. Invece di servire il popolo, lo sfruttano per servire se stessi”. Papa Francesco insiste nella sua dura condanna dei politici corrotti sottolineando che essi “sono in stato di putrefazione”. Per Bergoglio solo “quando la conversione arriva alle tasche, è sicura”. Il tema del contrasto della corruzione, soprattutto nella politica, è molto ricorrente nella predicazione del Papa. Significativa fu l’omelia che Francesco tenne nella Basilica Vaticana, nel marzo 2014, a cinquecento parlamentari italiani. In quell’occasione Bergoglio si scagliò contro gli  interessi di partito e le lotte interne sottolineando che “è tanto difficile che un corrotto riesca a tornare indietro. Il peccatore, sì, perché il Signore è misericordioso e ci aspetta tutti. Ma il corrotto è fissato nelle sue cose”.

Più volte il Papa ha tuonato anche contro  i devoti della “dea tangente” e i benefattori della Chiesa che però frodano allo Stato, prendendo di mira in particolare i “cristiani e i preti corrotti”, quelli dalla “doppia vita”, definendo la loro vita una “putredine verniciata”. Per Bergoglio essi “meritano di essere gettati nel mare con una macina al collo”. Nell’omelia della messa mattutina di Casa Santa Marta, il Papa si è soffermato, invece, con i fedeli sulla figura evangelica di Zaccheo, un esattore delle tasse dell’epoca di Gesù che frodava i cittadini. “Pensate – ha spiegato ai presenti Francesco – a un dirigente che sia importante, e anche che sia un corrotto, un capo dei dirigenti. Zaccheo era capo e sale su un albero per guardare una processione nella quale c’era Gesù. Pensate questo: che ridicolo! Ma non ha avuto vergogna”. Per il Papa “i cristiani “della  comodità e quelli dell’apparenza avevano dimenticato cosa fosse la gioia; questo corrotto, invece, la riceve subito e il cuore cambia, si converte. E così Zaccheo promette di restituire quattro volte quanto ha rubato”. Un invito evangelico che Francesco attualizza rivolgendolo ai truffatori dei nostri giorni.

Nella sua meditazione Bergoglio ha puntato anche il dito contro i tanti “cristiani di cuore, di anima, ma che poi non sono cristiani di tasche. È qui che arriva subito la conversione in modo autentico”. Il Papa ha ricordato che esistono “tre chiamate alla conversione che lo stesso Gesù fa ai tiepidi, a quelli della comodità, a quelli dell’apparenza, a quelli che si credono ricchi ma sono poveri, non hanno niente, sono morti”. L’invito di Francesco è a pensare “molto seriamente alla nostra conversione, perché possiamo andare avanti nel cammino della nostra vita cristiana”. Da qui l’esame di coscienza suggerito dal Papa: “Io sono di questi cristiani delle apparenze? Sono vivo dentro, ho una vita spirituale? Sento lo Spirito Santo, ascolto lo Spirito Santo, vado avanti? Ma, se tutto appare bene, non ho niente da rimproverarmi: ho una buona famiglia, la gente non sparla di me, ho tutto il necessario, sono sposato in chiesa, sono ‘in grazia di Dio’, sono tranquillo. Le apparenze! Cristiani di apparenza sono morti! Ma, – ha concluso Bergoglio – cercare qualcosa di vivo dentro e con la memoria e la vigilanza, rinvigorire questo perché vada avanti. Convertirsi: dalle apparenze alla realtà. Dal tepore al fervore”.