Infame, adesso sai cosa vuol dire morire…”. Sette parole e uno stato d’animo (“delighted”, felicissimo) per commentare la morte di Diego Moltrer (nella foto). È il modo con il quale Enrico Rizzi, segretario nazionale del Partito animalista europeo, ha accolto la scomparsa del presidente del consiglio regionale del Trentino, avvenuta lunedì mattina durante una battuta di caccia. Ha postato su Facebook la notizia data dall’Ansa condendola con quell’aggettivo e quella frase che hanno acceso un lungo dibattito sulla sua pagina ufficiale.

Moltrer è stato trovato privo di vita nei boschi della valle dei Mocheni. Ad ucciderlo è stato un arresto cardiaco mentre stava conducendo una battuta di caccia mattutina con tre amici. Non si è sentito bene, ha detto loro che si sarebbe fermato per riposarsi. Ma non vedendolo arrivare, i compagni sono tornati indietro rinvenendo il cadavere. Una morte accidentale, dunque. Ma il fatto che fosse un cacciatore e che negli scorsi mesi avesse appoggiato la cattura dell’orsa Daniza, morta in seguito alla narcosi effettuata per bloccarla, ha scatenato l’ira di Rizzi.

E il segretario del partito animalista non fa un passo indietro anche a quasi ventiquattr’ore di distanza: “È un discorso che va oltre Daniza, ben oltre. Non mi rimangio nulla di quello che ho scritto né ho intenzione di cancellare il messaggio”, afferma a ilfattoquotidiano.it. Del resto basta scorrere la bacheca per capire che la pratica di definire ‘infami’ i cacciatori e di ‘esultare’ in caso d’incidenti durante le battute fa parte della quotidianità di Rizzi. “Per me è deceduto un cacciatore. Punto. Seminano morte ogni mattina quando si alzano e imbracciano un fucile. Che sia morto per un malore non c’entra nulla, così come che la legge consenta l’attività venatoria non significa che questa sia una pratica giusta”, spiega il segretario animalista.

Poi continua ad argomentare, specificando che il suo partito è attivo da anni ma se ne parla solo per questo caso: “Perché non si racconta di tutti gli uomini feriti o uccisi dai fucili dei cacciatori? A Pantelleria nel novembre 2012 un bambino di cinque anni morì per mano del padre durante una battuta. Chi prende un fucile e va a caccia sta andando a uccidere e sa bene che può succedere anche lui. Quanti animali aveva ucciso Moltrer? Io piango le vittime innocenti, umane e non, che cadono per mano di questi signori. Un cacciatore in meno per me vuol dire tanti animali in più, che si tratti di un uccellino o dell’orsa Daniza”.

Non retrocede neanche davanti allo sdegno che centinaia di persone continuano a manifestare tra i commenti al suo post: “Ma quale gente indignata, la gente ha cose serie a cui pensare. Da ieri pomeriggio ho ricevuto trecento messaggi d’insulti e minacce. Sa di chi sono? Tutti cacciatori”.

Twitter: @AndreaTundo1 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Papa Francesco: “Tanti dirigenti corrotti, sono in stato di putrefazione”

next
Articolo Successivo

Caro Renzi, per la Liguria fatti e non tweet

next