È il The sessions italiano, anzi è molto di più. The Speciale Need, diretto dal regista udinese Carlo Zoratti, ha appena fatto il pieno di spettatori anche al Trieste Film Festival 2014 dove ha vinto il primo premio nella Sezione documentari, ex aequo con l’ungherese Szerelem Patak. “È grazie ad Enea che tutto questo accade”, scherza Zoratti con il fattoquotidiano.it. Perché l’origine di questo documentario coprodotto tra Italia e Germania, ha come tema di fondo la disabilità, ovvero la situazione particolare del suo protagonista: “Io ed Enea siamo coetanei e ci conosciamo da quando abbiamo quindici anni. Abbiamo deciso di fare questo documentario quattro anni fa, in piedi davanti alla fermata dell’autobus n°11 a Udine. Quel giorno gli ho chiesto se aveva la ragazza: io ne avevo conosciute molte, perché lui no?”.

Da questo quesito a risposta negativa nasce The Special Need, un on the road che attraversa il Friuli, l’Austria, la Svizzera e la Germania. Carlo, Enea e l’altro loro amico Alex Nazzi partono per un viaggio che ha come obiettivo di colmare la “necessità speciale” di Enea: fare (finalmente) l’amore. “Sul set eravamo in otto: noi tre, il direttore della fotografia, il fonico, i due produttori quello tedesco e quella italiana e due assistenti – spiega Zoratti – Ogni giorno Enea cambiava traiettoria e io dovevo seguirlo, accettando che fosse lui a guidarmi. A luglio 2013 abbiamo consegnato un film finito, imperfetto, sgangherato che non parla solo di sessualità, ma di un’amicizia e di come siamo fatti noi esseri umani. Non ci dispiace che sia diverso da come ce l’eravamo immaginato all’inizio: facendolo abbiamo scoperto cose bellissime. Abbiamo conosciuto meglio Enea e anche noi stessi”.

Un anno e mezzo di lavorazione, 250mila euro di budget, produzione Rai 3 e Zdf, e una distribuzione in Italia che inizierà il 2 aprile prossimo grazie alla friulana Tucker Film (quella di Tir e Zoran): “Sarà una distribuzione concentrata in quattro giorni, un forte impatto per poco tempo in sala. Poi soprattutto al Sud, dove siamo distributivamente deboli, faremo singoli accordi con associazioni specifiche che trattano il tema della disabilità. Inoltre il film sarà in onda in prima serata sia sulla Zdf tedesca – sono coproduttori – sia sulla francese Arté”.

Le peculiarità di The Special Need sono evidenti sia a livello espressivo che a livello produttivo: “Non volevo un documentario classico. Non ho utilizzato interviste e ho usato un linguaggio da film di fiction, con più macchine da presa sempre in movimento, in modo da poter montare campi e controcampi più da storia di finzione. Mi sono infine ispirato ai film di Mike Leigh dove gli attori sono sorpresi essi stessi dalle emozioni che provano durante le riprese”.

“Poi va sottolineato come nel Nord Est ci sia un fermento produttivo notevole in questi ultimi anni – prosegue Zoratti – vengono prodotti bellissimi film friulani perché in questa regione già da tempo esiste un fondo per supportare le bozze di idee cinematografiche: se queste hanno valore vengono costruite attraverso continui confronti con workshop e partner europei finché non diventano un prodotto finito”. Infine, la disabilità del protagonista. Tema per molti facile – Enea è autistico – ma trattato da Zoratti con grande delicatezza e senza pericolo di pietismo: “Non voglio che il film venga rinchiuso nella categoria tematica in cui è immerso. Questo lavoro ha avuto modalità di svolgimento che mi hanno cambiato a livello empatico e psicologico nel profondo”.