Chi mi segue da tempo saprà che il primo post di questo blog, nel settembre 2011, riguardava il fatto che in oculistica esistono due farmaci che curano la stessa patologia e noi usiamo, pur essendoci studi che ne validano l’efficacia di entrambi, quello che costa enormemente di più. I miei assidui lettori sapranno anche che per lo stesso motivo fui intervistato da Report nella videointervista del maggio 2013,“Il farmaco che costa un occhio”, di Giorgio Mottola.

Ora l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il World Health Organization (WHO), che aggiorna periodicamente l’elenco minimo dei farmaci indispensabili per l’assistenza sanitaria in cui sono inseriti i farmaci più efficaci, più sicuri e con un buon rapporto costo-efficacia, pone, nella recente revisione di aprile 2013 pubblicata a luglio 2013, il bevacizumab o Avastin, quello che costa meno, come unico farmaco inserito per il trattamento della Degenerazione Maculare Senile Neovascolare (DMSN). Trattandosi di un farmaco che richiede diagnosi e monitoraggio specialistico, Avastin è inserito nella sezione complementare tra i farmaci oftalmici al punto 21.

Abbiamo una crisi economica enorme che ci conduce a tagli nell’ambito sanitario che si evidenziano quotidianamente anche con l’atteggiamento dei pazienti che risparmiano sulle visite, gli esami ed i farmaci e nessuno interviene ufficialmente ed in modo immediato per far si che si possa risparmiare circa 20 milioni al mese solo per questo farmaco!

Ministro della Salute Lorenzin vuole adoperarsi presso AIFA in modo energico? L’Antitrust si pronuncerà a dicembre ma noi avremo buttato altri 80 milioni di euro e considerando che in due anni ne abbiamo già spesi inutilmente 500 milioni circa a me pare che si debba intervenire immediatamente. Presidente del Consiglio Letta che ne pensa?

Gli italiani sono stufi di essere presi in giro. Gli “spostano” le tasse per guadagnare voti d’immagine quando si potrebbe veramente risparmiare senza spendere. Gli italiani chiedono a gran voce, ed io ne sono il megafono, chiarimenti immediati su chi ha intascato cosa e perché. In sanità è ancor più grave. Occorre risparmiare per curare tutti al meglio. Spero di avere a stretto giro una risposta. La esigo io a nome di tutti i cittadini. Sono due anni che la chiedo ed il conto inutile aumenta giorno dopo giorno. Siete svegli governanti o fate finta di essere sordi anche con l’OMS?