Vi racconto una storia: c’era una volta un ricercatore chimico farmaceutico italiano, Alessandro, che una decina di anni fa decise di andare a vivere nel Regno Unito. Classico caso di fuga di cervelli all’estero ok, ma non è del pietoso stato in cui versa la Ricerca in Italia che vorrei parlare (anche se in effetti il caso di Alessandro è versatile e si presterebbe benissimo anche a questo tema).

Alessandro all’ombra di Buckingham Palace fa carriera, ottiene soddisfazioni professionali ed economiche importanti e oggi a 36 anni è editor di 4 riviste scientifiche per una casa editrice con sedi in varie parti del mondo. Ma Alessandro si rende anche conto che le possibilità che la fredda Inghilterra gli dà rispetto al Bel Paese non sono solo professionali.

Infatti lì è riuscito a sposare il suo compagno e di recente grazie ad una madre surrogata i due piccioncini come ogni coppia omo o eterogenitoriale che sia, sono in trepidante attesa della nascita di due gemelli.

Se ciò che ho appena scritto non bastasse a far capire l’enorme discrepanza di civiltà tra ciò che abbiamo qui e ciò che si trova a solo due ore di volo da noi, aspettate di sentire il resto della storia.

Dal momento che, come ormai la maggior parte delle coppie che hanno figli, sia Alessandro che suo marito lavorano, si pone il problema di chi resterà a casa a curare i bambini. Quindi entrambi fanno richiesta alle rispettive aziende per una “Surrogacy leave” che sostituisce una “Maternity Leave”, ovvero la classica “Maternità“. Attenzione: la Surrogacy Leave NON è ancora finanziata dallo Stato. E’ uno strumento delle aziende creato per non esercitare norme discriminatorie nei confronti dei dipendenti.

Morale della favola: entrambi l’hanno ottenuta facilmente e adesso devono decidere chi resterà a casa in quei mesi con i bambini. Il tutto mentre ancora qui si parla se approvare una legge contro l’omofobia. E mentre Cl allestisce baracchini raccogli firme dichiarando “La legge contro l’omofobia rappresenta un pericolo poiché rende pari omosessuali ed eterosessuali” (rendiamoci conto).

Se Alessandro tornasse in questa Italia, pur pagando le tasse come tutti nel pieno rispetto della legge come tutti gli altri cittadini Italiani, avrebbe la metà dei diritti che ha adesso. Qualcuno dei commentatori a questo post mi sa spiegare perché dovrebbe tornare ?