La satira deve far ridere e pensare, giusto? Ecco, rivedendo in sequenza i due interventi a Sanremo di Luca e Paolo, prima su Berlusconi e Fini, poi su Saviano e Santoro, io personalmente avrò incrinato l’angolo della bocca un paio di volte. E’ colpa mia? Voi avete riso? E quanto al pensare, non c’è stata una frase che abbia aperto uno squarcio di verità, di novità, sui fatti e i personaggi agli onori delle cronache negli ultimi mesi.

Il compromesso tra quello che gli avrà detto di fare Rai Uno, la voglia di piacere a tutti, il loro ruolo di conduttori delle Iene, e la par condicio, ha raggiunto vertici assoluti di scarsa qualità. Forse è la realtà che ha superato la fantasia? Ma che! La comicità si è solo trasferita altrove, basta rivedersi le “Arcore’s Nights” della Sora Cesira.

Erano arrivati per rottamare Pippo Baudo, il Bagaglino e la vecchia televisione, ora ci sono dentro fino al collo e satireggiano con la forza di un peluche. Però magari mi sbaglio io, e voi avete riso come matti, son curioso, veramente, di saperlo.