Carissimi Lettori,

La nostra Italia fa acqua da tutte le parti e secondo me l’attuale Governo non è più in grado di rispondere ai bisogni del paese, di conseguenza serve un rinnovamento della classe politica in tempi rapidi.

In questi giorni il Veneto come tutti voi sapete ha subito enormi disagi derivati dalle numerose esondazioni causate dalle molteplici precipitazioni.

Leggere su “il Gazzettino.it” che il Presidente del Consiglio On. Silvio Berlusconi ha evitato di visitare Cresole per non confrontarsi con i manifestanti del “No Dalmolin”, mi ha dato molto fastidio.

Credo che in politica come nella vita le contestazioni e le molteplici vedute di pensiero devono fungere da stimolo e non da pretesto per fuggire dalla realtà, visto che Cresole frazione del Comune di Caldogno è un po’ il simbolo di questo disastro ambientale, il Presidente a mio parere doveva recarsi sul posto.

Mi auguro di cuore che tutti i cittadini che purtroppo hanno perso tutto vengano risarciti in tempi rapidi così che possano ritrovare una certa serenità psicologica, economica e sociale. Intanto sono stati stanziati 300 milioni.

Ora il maltempo si sta spostando verso il sud Italia e come tutti sappiamo la realtà in quelle zone è complessa, spero pertanto che chi ci governa sappia intervenire in modo adeguato da qui in avanti in modo da garantire a tutti i cittadini una vita dignitosa .

Il Governo Berlusconi sta attuando da molti mesi la politica dei tagli che sta massacrando il nostro paese in molti settori, da ciò mi chiedo per esempio perché il Ministro Michela Vittoria Brambilla usi l’elicottero di stato per andare alle riunioni di partito.

Quanto prima il Governo deve impostare una politica che parta dal basso che ascolti le necessità reali dei cittadini e non che continui solamente a salvaguardare gli interessi di chi ci governa.

Desidero esprimere la più sentita solidarietà a tutti i comuni veneti che ancora vivono nel disagio, ma voglio essere anche vicino a tutte le regioni e tutti i cittadini che in questo momento stanno vivendo dei disagi causati dalle avversità atmosferiche.

Per eventuali segnalazioni o contatti scrivere a:
info@lucafaccio.it
raccontalatuastoria@lucafaccio.it