/ di

Umberto Rapetto Umberto Rapetto

Umberto Rapetto

Giornalista, scrittore e docente universitario

Classe 1959, segno zodiacale Leone, da bambino ero talmente indisciplinato da far finire in collegio pure mio fratello più piccolo, segnando l’alba delle guerre preventive. Maturità classica alla Scuola Militare Nunziatella di Napoli, tre lauree, qualche corso di specializzazione, sono quel generale della Guardia di Finanza in congedo “colpevole” di aver diretto l’indagine sulle slot machine, quella dei 98 miliardi di euro…
Precursore delle indagini telematiche al punto di guadagnarmi l’appellativo di “sceriffo del web”, creatore e per undici anni comandante del GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche, nel 2001 – ad esempio – ho “catturato” gli hacker penetrati nei sistemi informatici del Pentagono e della NASA e di uno di quei bricconi sono pure diventato amico. Mi si vede apparire in tv o mi si ascolta alla radio dove dico sempre le stesse cose, ma alla gente piace così. Scrivo – pardon, scarabocchio – su un mucchio di giornali come fanno quelli che insistono con le penne a sfera che non ne vogliono sapere.
La buonanima di Gigi, mio papà (incredulo di certe pubblicazioni), mi diceva “ieri ho visto un libro di un tuo omonimo” ed io – preoccupato dall’immaginario concorrente – sono stato costretto a farne uscire più di 50 senza riuscire ad incrementare la stima paterna nei miei riguardi. Docente in numerosi Atenei italiani e stranieri (l’ultimo contratto alla Facoltà di Ingegneria all’Università di Genova) e nei più importanti Centri di formazione militare e di polizia (insegno fra l’altro Open Source Intelligence alla NATO School di Oberammergau), cerco di non prendermi sul serio e mi svago con motociclettone e auto d’epoca. Dopo un anno e mezzo in Telecom Italia, prima in veste di consigliere strategico di Franco Bernabè, e poi come Group Senior Vice President, ho scelto di trovare nuove avventure e sono stato come sempre fortunato riuscendo in qualcosa di divertente da fare. Ho “messo su” una piccola azienda, assumendo qualche bravissimo giovane a tempo indeterminato e cercando di tener fede al nome dell’impresa che si chiama “HKAO – Human Knowledge As Opportunity.
Ho deciso di scrivere sul sito del Fatto Quotidiano per annoiare amici prezzolati e dissertare inutilmente su temi di sicurezza informatica, crimini tecnologici e stravaganze cibernetiche.

www.hkao.it

Twitter: @Umberto_Rapetto

Leggi anche: Guardia di Finanza, si dimette Rapetto. Multò i re dei videopoker per 98 miliardi

Blog di Umberto Rapetto

Media & Regime - 23 Aprile 2019

Salvini col mitra, quel ‘siamo armati’ riguarda tutti noi

Mel Brooks non sarebbe riuscito a fare di meglio. Le sue incommensurabili parodie sono state incenerite. L’atmosfera radiosa delle festività pasquali ha conosciuto il suo climax con il messaggio di pace che Luca Morisi, il Vate hi-tech della Lega, ha voluto pubblicare online. Come Lord Casco di “Balle spaziali”, ha voluto sottolineare “siamo armati e […]
Giustizia & Impunità - 18 Aprile 2019

Marco Pantani, i fotogrammi del suo corpo possono ancora dirci qualcosa

L’esser stati spettatori di qualche telefilm incernierato su indagini avveniristiche ci ha trasformati tutti in apprendisti investigatori, la cui stregoneria sta nell’immaginare la soluzione a dispetto di chi ha lavorato sul campo. Capita spesso di credere di saperne di più, di diffidare dell’operato di chicchessia, del dubitare di azioni e intenzioni. Non è una di quelle storie. […]
Media & Regime - 11 Aprile 2019

Julian Assange, quando l’arma del delitto è la libertà di espressione

Mission accomplished, missione compiuta. Dopo sette anni. Il Metropolitan Police Service ha dato esecuzione al mandato di arresto emesso il 29 giugno 2012 dalla magistratura di Westminster. La lentezza della giustizia ha contaminato anche la Gran Bretagna? Niente affatto, ci si trova soltanto dinanzi a uno dei più controversi casi giudiziari in cui l’arma del […]
Tecnologia - 5 Aprile 2019

Il riconoscimento facciale di Amazon? Per gli esperti è il Ku-Klux-Klan 2.0

Sta venendo il giorno in cui quella specie di sorriso giallo che appare nel logo non coinciderà con lo stato d’animo degli utenti. Parliamo di Amazon, quella che poco alla volta si è guadagnata le simpatie di chi vuol fare acquisti online nonostante il trattamento riservato ai dipendenti fosse diametralmente opposto a quello concepito da […]
Tecnologia - 31 Marzo 2019

Cybersicurezza, mille italiani spiati sul cellulare. Questo succede quando lo Stato perde il controllo

La notizia di mille italiani spiate, vittime di una App confezionata – ai fini giudiziari – da una azienda catanzarese per molte Procure nostrane, è subito rimbalzata alimentando paure e timori anche in chi normalmente non ha nulla da temere. Non è bastata la lezione di Hacking Team e del famigerato Rcs o Remote control […]
Tecnologia - 22 Marzo 2019

Corea del Sud, vi spiego come alcuni alberghi spiavano i clienti. Così i loro filmati hot finivano in rete

Quarantadue stanze di motel, dieci diverse città, almeno 800 coppie più o meno focose, più di 4mila utenti registrati e potenziali spettatori, 50 dollari il prezzo di quello che si potrebbe chiamare l’abbonamento. Sono queste le cifre dell’ultimo scandalo a luci rosse che le tecnologie e Internet hanno regalato alla cronaca di questi giorni. È […]
Tecnologia - 18 Marzo 2019

Strage in Nuova Zelanda, quei video (e Brenton Tarrant) potevano essere bloccati?

Non è facile bloccare contenuti inopportuni diffusi attraverso le piattaforme online, ma sicuramente si può fare qualcosa di più rispetto a quanto si è verificato a ridosso della strage di Christchurch. La propagazione c’è stata, nonostante i sofisticati algoritmi di controllo, a dispetto dei filtri animati dall’intelligenza artificiale, in barba alle agguerrite squadre di specialisti […]
Mondo - 15 Marzo 2019

Attentato Nuova Zelanda, 40 morti in diretta Facebook. La violenza diventa show (e noi siamo complici)

40 morti in diretta Facebook sono l’ultimo stadio del terrorismo che arriva nelle nostre case, quasi esistesse uno spargimento di sangue “partecipativo”. La strage di Christchurch, nella tranquilla Nuova Zelanda, è l’ennesimo segnale della follia omicida che trova nei social network uno pericoloso strumento di amplificazione. La violenza inaudita va a caccia di “like”, ipnotizzando […]
Tecnologia - 11 Marzo 2019

Incidente Ethiopian Airlines, forse dovremmo frenare l’entusiasmo per la tecnologia nei trasporti

Il disastro aereo della Ethiopian Airlines arriva a distanza di pochi mesi da un analogo incidente in Indonesia. I due eventi catastrofici hanno in comune il velivolo, in entrambi i casi un Boeing 737 Max. Mentre – è ovvio – si sa ancora poco dello schianto dell’aereo diretto a Nairobi, il crash della Lion Air […]
Media & Regime - 9 Marzo 2019

Facebook apre il primo cimitero social. Ora anche Internet ha un aldilà

Quando si dice che Internet è lo spazio dell’immortalità, non si sbaglia. Si è costretti a constatarlo quando un contenuto pubblicato online rimbalza rapidamente ovunque, si rifrange come in una galleria degli specchi, si riproduce e moltiplica fino a diventare non più eliminabile. Foto e filmati spiacevoli per chi ne è involontario o inconsapevole protagonista […]
Radio Padania rinuncia a 115mila euro di contributi pubblici alle emittenti locali: decisivo il braccio di ferro con M5s
Ho osservato gli intellettuali di sinistra sui social e capito la loro inefficacia

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×