/ di

Roberto Balzani Roberto Balzani

Roberto Balzani

Sindaco di Forlì e docente universitario

Sono un professore universitario di Storia contemporanea dell’Università di Bologna, divenuto quasi casualmente, vincendo primarie “impossibili”, candidato del Pd e poi sindaco di Forlì. Era il 2009. Da allora la mia vita è completamente cambiata, e non direi in meglio: la vischiosità dell’amministrazione – locale, regionale e nazionale -, la crisi economica, il declino delle istituzioni hanno segnato e continuano a segnare il mio quotidiano. Sono attratto dalla politica come riforma sociale e dall’idea che l’impegno pubblico debba essere a tempo: mi sono dato non più di dieci anni di “servizio alla comunità”. Poi tornerò a fare il mio mestiere. Quasi tutti i miei interlocutori, però, non la pensano così. Per loro, la carica elettiva è un pezzo importante di una carriera. Ragion per cui, le decisioni sono funzionali a un qualcosa che raramente coincide con il bene collettivo. In questi anni ho capito molto bene la geografia del potere della mia Regione, l’Emilia-Romagna: l’articolazione degli interessi economici, la commistione con la politica, la scarsa significatività – sotto questo profilo – dell’asse destra-sinistra. Ho anche capito che la stragrande maggioranza delle persone ha pulsioni e desideri che vanno in tutt’altra direzione: le tematiche ambientali sono più trasversali di un tempo; la faglia fra tutelati e precari, spesso sovrapposta a quella generazionale, è dirompente; l’idea di uno sviluppo equilibrato, non legato al consumo selvaggio di risorse primarie, assai diffusa. Poi però bisogna far combaciare questi splendidi concetti generali con le politiche incidenti sulla vita collettiva. E allora cominciano i dolori: perché i privilegiati reagiscono, la burocrazia scatta sulla difensiva, ecc. Ecco, io mi occuperò di questo tipo di problemi: come tradurre idee buone in prassi plausibili. E lo farò analizzando casi concreti, vittorie e sconfitte quotidiane, progetti frustrati e successi imprevedibili o imprevisti. Cercherò di farlo tentando analisi razionali dei contesti. E rischiando, per questo, di apparire terribilmente “impolitico”.

Blog di Roberto Balzani

Economia & Lobby - 22 Novembre 2013

Definanziamento sanità pubblica: sfida e azzardo dell’Ausl unica Romagna

Il 19 novembre, l’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha votato la legge istitutiva della Ausl unica della Romagna, che di fatto unifica le quattro aziende preesistenti (Ravenna, Rimini, Cesena e Forlì), per una popolazione complessiva di oltre 1,1 mln di abitanti e di 2 mld di spesa corrente. Un colosso che intende rappresentare una risposta […]
Emilia Romagna - 21 Agosto 2013

Responsabilità e irresponsabilità degli amministratori pubblici

Uno dei temi cruciali della nostra vita pubblica è quello della responsabilità. Di solito, la responsabilità è il corrispettivo di un potere decisionale, di una libertà, di una discrezionalità: agisco secondo coscienza, e quindi mi assumo una responsabilità. La questione è molto delicata, soprattutto nel momento in cui si parla di partecipazione. La partecipazione larga, […]
Ambiente & Veleni - 12 Agosto 2013

La grande partita dei rifiuti in Emilia Romagna

La partita che si sta giocando in Emilia-Romagna, in questi mesi, va osservata con attenzione. Rispetto alle realtà del Paese ancora alle prese con l’emergenza – discariche, termovalorizzatori ipotizzati o in costruzione, esportazione di ecoballe -, qui siamo di sicuro un passo avanti; ma proprio perché lo siamo, l’impostazione di un approccio in linea con […]
Emilia Romagna - 8 Luglio 2013

Com’è difficile “sburocratizzare” la pubblica amministrazione

Uno dei più abusati ritornelli del repertorio politico nazionale, non solo dell’ultimo periodo, riguarda il tema della sburocratizzazione e della semplificazione. I cittadini, le imprese, tutti chiedono a gran voce che la pubblica amministrazione faccia presto, perché i tempi di risposta sono troppo lunghi e costosi; perché le opportunità possono sfuggire; perché i bisogni si […]
Economia & Lobby - 16 Maggio 2013

Beni ‘comuni’ svenduti per far cassa: io denuncio

La campagna sui “beni comuni” ha, giustamente, grande presa sulla pubblica opinione, alimentando una generosa mobilitazione capillare e pressoché permanente. Nel nostro paese, infatti, si è contrabbandata la svendita del patrimonio pubblico, spesso preziosa perché collegata a rendite monopolistiche garantite, con atti di liberalizzazione e di privatizzazione. Utili, queste ultime, purché servano: a) a creare […]
Emilia Romagna - 11 Maggio 2013

Genesi del Pd: dal ‘modello Roma’ alla società liquida

Goffredo Bettini sta per mandare in libreria una sua riflessione – Carte segrete -, in cui, attraverso un’intervista rilasciata a Carmine Fotia, sigillata da un intervento sull’attualità, riepiloga le tappe di una generazione che, affacciatasi al rinnovamento dei sistemi e dei contenuti della comunicazione politica tradizionale nei primi anni Settanta, ha poi colto, nella Capitale, […]
Imprese: 400 colpi di start-up prima di andare a dormire
Privatizzazioni, vendere le imprese dello Stato senza ripetere gli errori

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×