Eccessivo, un po’ cafone, emozionante. Fino all’ultima curva. Questo è stato il gran premio di Las Vegas di Formula 1. A vincerlo – ma questa non è una novità – è stato Max Verstappen. Il campione del mondo della Red Bull ha preceduto la Ferrari di Charles Leclerc, che ha guadagnato la secondo posizione solo all’ultima curva, superando l’altra Red Bull di Sergio Perez, arrivata terza la traguardo. In quarta posizione al traguardo la Alpine di Ocon, in quinta la Aston Martin di Stroll. Sesta l’altra Ferrari di Sainz, settima la Mercedes di Hamilton, che ha chiuso la gara davanti al compagno di squadra Russell. A chiudere la top ten, la Aston Martin di Alonso al nono posto e la McLaren di Piastri decima.

LA CRONACA DELLA GARA – Tra le luci sfavillanti della notte di Las Vegas a fare festa è sempre Verstappen. Il pilota olandese della Red Bull al termine di una rimonta appassionante ha conquistato la sua 18esima vittoria di una stagione indimenticabile sulla famosa Strip della città del Nevada. E dire che SuperMax ha odiato tutto di questo Gran Premio dal momento in cui è arrivato a Sin City. Il tre volte campione del mondo in carica di Formula 1 ha trovato l’eccesso e l’opulenza esagerati preferendo dare priorità alle corse vere e proprie. Ma al momento di tagliare il traguardo sotto la bandiera a scacchi sventolata dalla star del pop JustinBieber, il pilota olandese si è finalmente lasciato andare al grido di “Viva Las Vegas“.

“È stata una gara difficile ma molto divertente anche per il basso degrado che ha consentito di spingere. Spero che tutti si siano divertiti e di poter tornare qui l’anno prossimo per poter fare qualcosa di simile”, ha commentato il dominatore della stagione sceso in pista con una tuta ispirata a Elvis. Con la solita partenza bruciante Verstappen ha superato il poleman Charles Leclerc, ma poi ha dovuto subire una penalità e quindi ha dovuto ripassare il pilota della Ferrari ancora una volta a 13 giri dalla fine per continuare il suo dominio stagionale. L’olandese della Red Bull centra così la vittoria numero 53 della carriera, e raggiunge Sebastian Vettel nella classifica dei vincitori di tutti i tempi. Davanti ora ha solo Lewis Hamilton e Michael Schumacher. Il pilota monegasco della Ferrari, dal canto suo, ha lottato con le unghie e con i denti e al termine di una battaglia durissima è riuscito ad ottenere almeno il secondo posto con un sorpasso magistrale ai danni dell’altra Red Bull di Sergio Perez praticamente all’ultimo giro. “Mi è davvero piaciuto e sono particolarmente felice di aver concluso il fine settimana in modo positivo perché mi ha fatto male vedere lo sport che amo così tanto iniziare così male giovedì”, ha detto Leclerc. “Il fatto che abbiamo fatto una gara straordinaria rende tutto migliore”, ha aggiunto.

Non è andato oltre il sesto posto, invece, l’altro ferrarista Carlos Sainz, costretto a partire dalle retrovie per l’incidente di venerdì quando ha urtato un tombino. Lo spagnolo è stato preceduto da Esteban Ocon quarto con la Alpine e da Lance Stroll quinto con la Aston Martin. “Abbiamo rimontato dall’ultima posizione alla sesta, ma non sono molto contento perché oggi la macchina aveva il passo per lottare per la vittoria”, ha commentato deluso Sainz. Per la Ferrari arrivano però punti preziosi visto che le due Mercedes di Lewis Hamilton e George Russell sono arrivati rispettivamente settimo e ottavo. “L’obiettivo era la vittoria, ma la prestazione è stata grandiosa. Ora andiamo ad Abu Dhabi per riprendere la Mercedes nel Costruttori”, ha dichiarato il team principal di Maranello Fred Vasseur. Nel Mondiale costruttori, la Ferrari è ora a soli 4 punti dal secondo posto della Mercedes.

La top ten della gara è completata da Fernando Alonso con la Aston Martin e da Oscar Piastri decimo con la McLaren. Brutto incidente per invece per Lando Norris, finito contro un muro con la sua McLaren e portato precauzionalmente al centro medico per controlli. A fare da contorno alla gara uno show sfavillante messo in piedi dagli organizzatori. Per la premiazione Verstappen, Leclerc e Perez sono stati portati in limousine verso un palco situato vicino al celebre hotel Bellagio. “Andiamo direttamente in discoteca”, ha detto un divertito Verstappen ai suoi compagni sul podio accolti dal famoso spettacolo delle fontane del casinò. Dopo aver ricevuto i loro trofei, i tre hanno assistito anche ad uno spettacolo pirotecnico in stile Capodanno sulla Strip. Tra le star che hanno assistito alla gara c’erano Brad Pitt, Rihanna, Usain Bolt, Shaquille O’Neal e Zlatan Ibrahimovic, mentre la F1 ha dichiarato di aver attirato più di 315mila spettatori durante il fine settimana e stimato un impatto economico di 1,2 miliardi di dollari per Las Vegas. I biglietti erano costosissimi, gli hotel lungo la famosa Strip hanno aumentato i loro prezzi e l’elemento sportivo della 21a gara della stagione è stato messo in ombra da tutto, dalle celebrità, agli spettacoli musicali e da una miriade di imitatori di Elvis che vagavano per il paddock che includeva una cappella per matrimoni dove l’ex campione del Mondo di F1 Jacques Villeneuve si è sposato con la sua compagna Giulia Marra.

Articolo Precedente

MotoGp, Martin vince la gara sprint in Qatar e si porta a -7 da Bagnaia. Di Giannantonio secondo, terzo Marini

next
Articolo Successivo

MotoGp, in Qatar la prima vittoria di Di Giannantonio. Bagnaia secondo allunga su Martin (disastroso decimo)

next