Le autorità sanitarie cinesi hanno riferito che, dall’8 dicembre al 12 gennaio, sono stati registrati quasi 60mila decessi a causa del Covid-19. Una nuova ondata sta flagellando il Paese dallo scorso mese: è la più grave dalla crisi di Wuhan di gennaio 2020. Adesso la Cina rende pubblici i dati ed è la prima volta da quando ha abbandonato la politica Zero Covid.

Nel dettaglio, i morti sono 59.938, di cui 5.503 decessi sono dovuti a insufficienza respiratoria innescata dall’infezione, mentre altri 54.435 sono i casi di decessi legati al coronavirus, ma su persone con patologie croniche come cancro o malattie cardiovascolari. A riportare i dati è il South China Morning Post, che menziona come fonte il direttore del dipartimento affari medici della Commissione nazionale di Santità Jiao Yahui. L’età media delle persone decedute era di 80,3 anni. E il 90% dei morti aveva un’età pari o superiore a 65 anni.

Da settimane Pechino è finita nel mirino della comunità internazionale a causa della mancata diffusione dei dati sul Covid. Ma il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin, rispondendo a una domanda in merito ha replicato: “Dall’inizio del Covid, la Cina ha condiviso informazioni e dati con la comunità internazionale in modo tempestivo, aperto e trasparente, in conformità con la legge”. Inoltre, il ministero degli Esteri ha chiamato in causa gli Stati Uniti. Secondo la Repubblica Popolare, gli Usa dovrebbero subire pressioni affinché condividano in modo tempestivo i propri dati sulla diffusione della sottovariante Omicron XBB.1.5, ritenuta particolarmente contagiosa.

Articolo Precedente

Palestina, da inizio 2023 sono 12 le persone uccise dall’esercito israeliano. Nel 2022 le vittime sono state 220

next
Articolo Successivo

Ucraina, Gerasimov vs Ryder: guerra ibrida o combinata? Ci si avvia a una nuova fase

next