La produzione industriale della zona euro è scesa lo scorso luglio del 2,3% rispetto a giugno. La flessione è B% nel confronto con il luglio 2021.Lo comunica l’istituto europeo di statistica Eurostat. Nell’intera Unione europea i cali sono dell’1,6% e dello 0,8%. I dati sono peggiori delle attese degli analisti e segnano la peggiore flessione mensile dalla fine della pandemia. L’Irlanda ha registrato un vero e proprio crollo (- 23,7% rispetto a luglio 2021). Forti cali anche per Slovacchia ed Estonia (entrambe – 6,4%) e per il Belgio (- 5,1%). La Germania, prima manifattura d’Europa, chiude il mese con un – 1%, la Francia con – 1,2%, l’Italia con meno 1,4% (+ 0,4% rispetto a giugno scorso). In crescita viceversa l’industria spagnola (+ 4,9%) ma in rallentamento sul mese precedente. La flessione ha interessato soprattutto i beni strumentali (- 5,4% su base annua) mentre i beni intermedi scendono dell’1,8%. Sale invece la produzione di energia (+ 0,7%) e quella di beni durevoli (+ 1%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uniper verso la nazionalizzazione. Il colosso tedesco del gas sommerso dalle perdite dopo lo stop delle forniture russe

next
Articolo Successivo

L’azienda che ha anticipato i turni all’alba per risparmiare: “Von der Leyen ci ha citati come esempio? Faccia qualcosa di concreto”

next