Rubena Akhtar ha 22 anni ed è originaria del Bangladesh. È arrivata in Italia, a Palermo, con la sua famiglia quando aveva 9 mesi. È cresciuta tra i vicoli del mercato del Capo aiutando le persone della sua comunità nelle traduzioni, facendo da ponte tra le due culture. Grazie ad Harraga2, progetto per l’inclusione e la formazione dei minori stranieri dell’ong Ciai, la giovane ha compreso l’importanza del suo ruolo come mediatrice culturale, maturando anche l’idea di farne la sua professione. Il video, realizzato da Antonio Macaluso, racconta la sua storia e testimonia come quanto i ragazzi stranieri in Italia possono diventare risorse per l’intera comunità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, giudice dell’Idaho blocca la legge che vieta l’aborto in caso di rischi per la vita e per la salute della donna

next
Articolo Successivo

Studenti fuori sede: il voto non è uguale per tutti

next