Fabbriche costrette a chiudere per mancanza di energia. Non è solo l’Europa a fare i conti con gli effetti della siccità. Mentre la crisi idrica costringe alla chiusura una delle più grandi fonderie di zinco in Olanda, la crisi colpisce anche in Cina, e più precisamente nel sud-ovest, dove molte aziende hanno esaurito le riserve utilizzate per generare energia idroelettrica e sono state obbligate a interrompere la produzione. Ad essere colpite sono soprattutto le aziende collocate nella provincia del Sichuan e, in particolare, i produttori di pesticidi e fertilizzanti, che chiuderanno per almeno cinque giorni, mentre quelli di pannelli solari, cemento e urea hanno chiuso o ridotto la produzione dopo che gli è stato ordinato di razionare l’energia.

L’imposizione è dovuta a una diminuzione dei livelli di acqua nei bacini idroelettrici e a un aumento della domanda dell’energia per il funzionamento, tra le altre cose, dell’aria condizionata, a causa delle temperature torride. Secondo l’agenzia Xinhua, il governo ha stanziato circa 280 milioni di yuan (che corrispondono a 41 milioni di dollari) di aiuti durante il periodo di siccità nelle province di Hebei e Shanxi, nella regione della Mongolia Interna e nella provincia di Liaoning: “Alcuni fiumi di piccole e medie dimensioni sono così asciutti che hanno smesso di scorrere”, è stato riferito. Per questo motivo alcune aree della Cina, in particolare quella centrale e settentrionale, hanno ordinato alcune misure di emergenza per garantirsi l’approvvigionamento di acqua potabile: Xinhua ha riportato la notizia di alcuni camion di pompieri intenti a trasportare acqua a due villaggi vicino a Chongqing. Secondo il governo, migliaia di ettari di colture sono appassiti a causa della mancanza di acqua e delle alte temperature.

Le chiusure, quindi, si aggiungono alle sfide per il partito Comunista al potere, mentre Xi Jinping si prepara a rompere la tradizione e cercare il terzo mandato quinquennale come leader. La crescita della produzione industriale e delle vendite al dettaglio, infatti, si è indebolita a partire da luglio e ha frenato la ripresa economica della Cina dopo che Shanghai e altre importanti città industriali sono state chiuse per contrastare le epidemie. L’economia quindi è cresciuta di appena il 2,5% nella prima metà del 2022 rispetto all’anno precedente, meno della metà dell’obiettivo annuale fissato al 5,5%.

Del resto, nel vecchio Continente la corsa ai prezzi ha messo in grave difficoltà alcune industrie, soprattutto le cosiddette “energivore”, a partire dalla siderurgia. Per questo, il gruppo belga Nyrstar ha annunciato l’interruzione, a partire da settembre, della produzione presso la sua fonderia di zinco di Budel nei Paesi Bassi. Si tratta di una delle più grandi d’Europa: già dal quarto trimestre del 2021 l’azienda sta operando a capacità minima per via degli alti prezzi dell’energia. Ma non è l’unica, anche in Slovacchia uno stabilimento siderurgico, di proprietà della Norsk Hydro, è costretto alla chiusura a causa dell’aumento delle bollette energetiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

La lotta all’evasione fiscale? Nel programma di centrodestra neanche una parola. Ma l’Italia deve ridurla di 12 miliardi in due anni

next