Orbetello è invasa da moscerini. Il piccolo comune in provincia di Grosseto, al centro della laguna che porta all’Argentario, è sotto l’assedio degli insetti. Ora che l’invasione ha raggiunto anche Capalbio, c’è il rischio che si sposti sempre più a Sud.

Un disagio non solo per chi abita in zona, ma anche per i turisti che hanno scelto la costa toscana come meta per trascorrere le proprie vacanze. Ad agosto, in particolare, sono numerosi i vacanzieri, per lo più romani, che affollano l’Argentario. “Da quasi un mese è impossibile passeggiare lungo la laguna, perché è completamente infestata dai moscerini. Ora è diventato impossibile anche cenare o fare un aperitivo all’aperto e bisogna spegnere le luci presto per non attirare gli sciami. La situazione è arrivata all’estremo tanto che molti negozi e ristoranti sono stati costretti a chiudere intorno alle 21“, ha raccontato un romano che vive ad Orbetello. Un evento che non si era mai presentato prima e secondo gli esperti sono state le alte temperature e l’umidità a favorire la proliferazione e la diffusione di questi insetti. In particolare, l’ondata di calore che ha interessato la laguna ha ridotto la presenza di predatori naturali, ovvero gli insettivori come i pipistrelli, le rane e vari uccelli e formiche. A tale proposito è intervenuto anche il direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’Asl Toscana Sud Est, Giorgio Briganti: “Una situazione inusuale e preoccupante, che non ha alcun risvolto per la salute pubblica in questo momento, ma è sicuramente fastidiosa. Un evento così massivo e importante non lo ricordo, non capita da almeno 10 anni. Ci sono momenti in cui può verificarsi una maggiore presenza di moscerini e di altri insetti, ma non da interrompere l’attività dei locali dopo le 21″.

Il caso è arrivato anche in consiglio comunale e la lista Alternativa Orbetello ha presentato un’interpellanza alla giunta, chiedendo perché non sia stata fatta la regolare disinfestazione primaverile, saltata nonostante il problema sia da tempo conosciuto e quindi prevedibile. Al momento è in programma una nuova disinfestazione, la quarta contro il boom di Chironomus plumosus. L’eliminazione degli insetti si svolgerà nella notte tra mercoledì 10 e giovedì 11 agosto visto “il grande numero di esemplari che continuano a permanere nel territorio comunale con particolare riferimento al centro storico dell’abitato di Orbetello e nella spiaggia di Neghelli” e a causa del “perdurare delle eccezionali e straordinarie condizioni metereologiche”. Il sindaco di Orbetello, Andrea Casamenti, ha dichiarato: “Se il disagio dovesse persistere, provvederemo a fare una disinfestazione ogni tre giorni con apposita ordinanza, dato che la programmazione calendarizzata di più trattamenti è stata vietata lo scorso maggio e limitata a condizioni eccezionali”.

Per caratteristiche ambientali e climatiche, Roma potrebbe essere una delle città a rischio. Alta temperatura, caldo umido, presenza di fiumi, laghi e laghetti naturali compongono infatti l’habitat considerato ideale per la proliferazione e diffusione dei moscerini. Per il momento, l’assessorato all’Ambiente della Regione Lazio ha fatto sapere di tenere alta l’attenzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dall’Italia alla Norvegia, economia ed export europei a rischio a causa della siccità e dei fiumi ridotti a rigagnoli

next
Articolo Successivo

Torino, attivisti di Extinction Rebellion denunciano: “Foglio di via a chi faceva foto o distribuiva volantini, abbiamo perso il lavoro”

next