Non solo siccità e incendi con enormi danni all’agricoltura e all’ambiente. Il caldo estremo uccide e le ondate di calore hanno provocato la morte di 733 persone in Italia in 33 città. Le temperature elevatissime e sempre sopra la media, nelle prime due settimane di luglio, hanno provocato un eccesso della mortalità del 21%.secondo il bollettino del sistema di sorveglianza sulle ondate di calore pubblicato dal ministero della Salute e riferito al periodo 16 maggio-15 luglio 2022. Nel mese di giugno nelle 33 città è stata registrata una mortalità del 9% superiore all’atteso. Dall’1-15 luglio le città in cui si è registrato l’incremento maggiore sono state Latina (+72%), Bari (+56%), Viterbo (+52%), Cagliari (+51%), Catanzaro (+48%).

Il bollettino riporta come, a partire dal mese di maggio 2022, si siano registrate temperature superiori alla media stagionale di +3,2°C in tutto il Paese, con valori più elevati soprattutto nelle città del Centro Italia. A giugno le temperature sono state superiori al valore climatico di riferimento in media di +3°C. Tra fine giugno e la prima settimana di luglio si sono registrati picchi di temperatura apparente massima compresi tra 37-40 gradi. Nel bollettino si evidenzia la necessità di ulteriori approfondimenti, che saranno condotti a fine estate, per stimare con maggiore precisione l’eccesso di mortalità attribuibile alla temperatura “tenendo conto, nel modello, anche dell’effetto dell’epidemia di Covid-19”.

I primi sette mesi del 2022 sono stati quelli più caldi di sempre, cioè dal 1800, quando sono iniziate le rilevazioni a livello nazionale secondo i dati pubblicati ogni mese dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). Secondo l’Istituto, infatti, il 2022 avrebbe registrato il record di siccità con un vero e proprio dimezzamento delle precipitazioni registrato da inizio anno a fine luglio rispetto agli accumuli medi sul trentennio 1991-2020. La riduzione maggiore, -52% , ha colpito il Nord, in misura leggermente inferiore, invece il Centro Sud con -42%. Per quanto riguarda, invece, le temperature, i mesi di maggio, giugno e luglio, sono tutti e tre al secondo posto nella classifica dei più caldi di sempre. Un maggio più caldo rispetto a quello di quest’anno si registrò solo nel 2003, lo stesso vale per il mese di giugno, mentre il luglio più caldo di sempre risale al 2015. E considerando il periodo da maggio a luglio, quest’anno è più caldo anche del 2003.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La sua auto rubata e usata per commettere una rapina: disabile 36enne non può uscire di casa. “Restituitemela, ne ho bisogno”

next
Articolo Successivo

Catania, picchia la moglie incinta poi la chiude in casa: arrestato 35enne

next