Sindacati di base Usb e Si Cobas in piazza a Piacenza, per manifestare contro le misure cautelari attuate nei confronti di otto delegati, accusati tra le altre cose di associazione a delinquere. Tesi respinta dagli interessanti, che invece accusano la Procura di mettere sotto attacco le libertà sindacali. Migliaia le persone arrivate da tutta Italia. Non solo lavoratori della logistica (Piacenza è una degli hub più importanti d’Italia), ma anche operai delle cooperative e dei trasporti, due settori in cui dominano precarietà e sfruttamento e dove da tempo le due sigle sono molto radicate, promotrici talvolta di vertenze molto dure. Presenti anche gruppi di collettivi studenteschi. “Le lotte operaie non si processano. La vera associazione a delinquere sono Stato e padroni”, lo striscione che ha aperto il corteo. Quella di oggi è solo l’ultima di tante manifestazioni, sit-in e scioperi organizzati in diverse città d’Italia in solidarietà agli arrestati

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono una docente della scuola paritaria, sono precaria perché lo Stato elude le sue leggi

next