“Non è stato facile partecipare. Ho provato rabbia. Non bisogna dimenticare”. Così Gianluca Ardini, uno dei superstiti della tragedia di ponte Morandi alla prima udienza del processo che si è aperto oggi. Ardini, che rimase appeso per quattro ore al suo furgone in bilico sul ponte, racconta cosa ha provato a passare sul nuovo viadotto

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alberto Genovese, la procura chiede 8 anni: “Quadro di devastazione e degrado umano”. Attenuanti per il percorso di riabilitazione

next
Articolo Successivo

Dalle aragoste dell’imprenditore alle “sveltine” con la precaria: “L’ex senatore Ruggeri privo di legalità e moralità”. L’ordinanza del gip

next