“Se non cambi il turno a mio figlio tu muori”: è la minaccia di un padre nei confronti del datore di lavoro di suo figlio, un ispettore del personale dell’Ase (azienda servizi ecologici). Alle parole sono seguiti una serie di calci e di pugni talmente violenti da provocare al lavoratore delle lesioni, che necessitano di almeno 30 giorni per guarire.

L’aggressione è avvenuta alle 4 del mattino dello scorso sabato, 2 luglio, a Manfredonia (Foggia). Secondo le ricostruzioni, l’ispettore era in macchina e stava percorrendo la via Mediterraneo per raggiungere il suo posto di lavoro. A quel punto ha notato un dipendente dell’azienda, attualmente in malattia, intento a chiedergli di fermarsi: “Se oggi non cambi il turno a mio figlio, e viene lunedì mattina a lavorare, tu muori“. Sono le agghiaccianti parole che il lavoratore ha sentito non appena si è accostato. Netta la sua risposta: “Tuo figlio deve lavorare come tutti gli altri finché sarò il responsabile dei servizi”. Una replica che ha provocato la violenta reazione del padre e del figlio: “Uno dei due mi è saltato sulla schiena e poi sul collo e ha iniziato a colpirmi con calci e pugni” ha raccontato la vittima e secondo la denuncia è stato il figlio a sferrare il primo colpo.

Dopo le botte, i due si sono allontanati a bordo di uno scooter. Per le lesioni subite, l’ispettore ha riscontrato una grave emorragia ed ematomi sparsi in tutto il corpo. L’accaduto è ora all’attenzione dei carabinieri di Manfredonia, che stanno indagando sull’ipotesi di reato per lesioni personali. Sulla violenza si è espresso anche il sindaco di Manfredonia, Gianni Rotice, che ha espresso solidarietà e vicinanza al lavoratore: “È stato in atto vile e non resterà senza conseguenze“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marmolada, l’escursionista tornata indietro: “Un ghiaccio come mai si era visto prima”

next