“È da anni che si continua a morire. Nei cantieri, nei campi. Di fronte alle nostre richieste di dare dignità al lavoro, lo Stato – la politica – ha deciso di alzare il muro dell’indifferenza”. A dirlo è il sindacalista Aboubakar Soumahoro, che si è incatenato davanti a Montecitorio e ha iniziato lo sciopero della fame e della sete. “Lo faccio per dire al governo che è responsabile morale della mia vita, così come è responsabile morale dei braccianti morti, dei lavoratori, dei precari”. Soumahoro ha chiesto l’introduzione del salario minimo, un piano nazionale contro gli infortuni sul lavoro e la riforma della filiera agro-alimentare. Nel giugno del 2020 il sindacalista si era incatenato durante gli Stati generali fuori da Villa Pamphili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inflazione e stipendi, Bombassei (Brembo): “Il governo approvi il salario minimo e le aziende adeguino le buste paga”

next
Articolo Successivo

Aboubakar Soumahoro resta incatenato per sette ore davanti a Montecitorio: “La lotta paga, ho ottenuto un incontro con Draghi”

next