Il Po, il fiume più lungo d’Italia, si sta progressivamente prosciugando e sta raggiungendo livelli record d’acqua bassissimi, dopo mesi senza forti precipitazioni. Questa animazione di Copernicus Sentinel-2 pubblicata dall’Esa (The European Space Agency, agenzia spaziale europea) mostra una parte della pianura Padana, vicino a Piacenza, e rivela come il vasto corso d’acqua si sia notevolmente ridotto tra giugno 2020 e giugno 2022. Estendendosi dalle Alpi a nord-ovest al Mare Adriatico sulla costa orientale, il Po è una fonte d’acqua vitale per diverse regioni. Viene utilizzata per l’acqua potabile, nutre vaste aree di terreno agricolo, oltre a produrre energia idroelettrica in tutto il nord Italia. L’acqua nella pianura Padana è scesa a livelli record, anche a causa della mancanza di precipitazioni, delle alte temperature e della carenza di neve sulle montagne che alimentano il fiume. Molte di queste aree sono ormai senza pioggia da più di 110 giorni, secondo l’Osservatorio del Po.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Pesticidi: un’ipocrisia europea?”. Su Arte Tv il documentario sul Brasile, dove i grandi gruppi fanno affari con le agrotossine vietate

next
Articolo Successivo

Inceneritore a Roma, la mia analisi con Virginia Raggi – Il futuro è l’ossicombustione, ecco cos’è e perché è preferibile

next