Non è stata ancora definita la data, ma la conferenza internazionale di sindacalisti e attivisti che si è tenuta il 23 giugno a Bruxelles sotto l’egida del gruppo Left del Parlamento Europeo ha mosso i primi passi verso una giornata unitaria di mobilitazione contro il transito di armi dai porti verso i teatri di guerra che avrà luogo nel prossimo autunno. Da Genova e Le Havre passando per Amburgo, Valencia, Pireo, Salonicco e Bilbao, le prime adesioni sono arrivate dai delegati delle associazioni e delle sigle sindacali presenti alla conferenza e attive nei principali porti europei: “Al centro del dibattito e della giornata di mobilitazione ci sarà la condanna di un economia di guerra ma anche l’insostenibilità del lavoro nella catena logistica delle armi”.
“Non è solo una posizione ideale – hanno ribadito nella sede di Bruxelles del Parlamento Europeo – ma riguarda la sicurezza sul lavoro e il contributo che non vogliamo e non possiamo dare a questa filiera della morte”. Per arrivare alla giornata internazionale e allargare ulteriormente le adesioni i partecipanti a questo primo appuntamento si sono attivati per definire una rete tematica che mira a definire luoghi e modalità con le quali si svolgeranno le azioni nei diversi porti. Un segno di vita da parte di un movimento “pacifista e antimilitarista” che va “dal Papa e i gruppi cristiani agli anarchici e non può fare a meno di coinvolgere i lavoratori che dovranno essere protagonisti di questa lotta internazionale”.
La conferenza è stata organizzata su iniziativa dell’europarlamentare del gruppo Left Ozlem Demirel: “Come sinistra non possiamo non farci carico di queste voci che si oppongono a un libero mercato degli armamenti che non conosce limiti – ha accennato nella sua introduzione – ci sono aziende in diversi stati dell’Unione europea che guadagnano tantissimo dalla sofferenza che la guerra impone ai popoli e questo non è accettabile”. Tra i dati presentati nella conferenza proprio quelli sulle esportazioni, l’Unione Europea nel suo complesso è il secondo esportatore di armi dopo gli Stati Uniti e i principali Paesi coinvolti sono Francia, Germania, Spagna e Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, il sì alla candidatura dell’Ucraina accende lo scontento dei Balcani: “Nostre domande ferme da anni”. Il nodo trattati: così l’unanimità rischia di destabilizzare l’Unione

next
Articolo Successivo

Ue, la Bulgaria rimuove il veto sull’adesione della Macedonia del Nord. Ma gli analisti prevedono turbolenze a Sofia e a Skopje

next