Caos all’esterno dell’aeroporto di Capodichino a Napoli dove centinaia di persone hanno atteso in fila gli autobus Alibus dell’azienda napoletana mobilità a causa dello sciopero dei tassisti. Per la protesta, che ha al centro il ddl concorrenza, mancavano le vetture fuori dallo scalo e così i passeggeri si sono riversati in massa di fronte all’aeroporto in attesa di un bus.

Lo sciopero “non autorizzato” secondo Francesco Artusa, presidente di Sistema Trasporti, associazione per il trasporto privato di Ncc auto e bus turistici, è “sconfinato nella violenza”. Nel corso della manifestazione sarebbero stati “aggrediti due autisti di Ncc rispettivamente davanti a un hotel e al Molo Beverello e molti altri minacciati”. “Gli Ncc lavorano su prenotazione attraverso contratti che hanno il dovere di onorare così come i nostri clienti hanno il diritto di usufruire del servizio che hanno richiesto”, aggiunge nella nota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Latina, ritrovati in mare un fegato e un rene. “Analisi in corso per stabilirne la natura”

next
Articolo Successivo

Torino, incidente stradale con una volante della polizia: muore un ciclista

next