A far dimenticare agli italiani la breve parentesi di tempo instabile dello scorso weekend ci penserà il nuovo anticiclone africano denominato Scipione. Per i prossimi 5/6 giorni, il caldo tornerà su tutta la penisola e le temperature saranno sopra la media stagionale con picchi anomali. Non avremo solo condizioni di bel tempo praticamente ovunque, ma registreremo anche valori elevati di pressione e temperature. Dal primo giugno quindi il caldo sarà estremo. Le aree italiane più colpite saranno quelle del Centro-Sud e le due Isole maggiori, ma anche la Pianura Padana sarà toccata dall’ondata, complice l’aumento dell’afa. A cavallo del prossimo weekend, se al Nord la fase calda ed umida non impedirà lo sviluppo di forti temporali pomeridiani sull’arco alpino, al Centro-Sud l’anticiclone potrebbe dominare incontrastato per circa una settimana, sfiorando anche i 40°C sulle estreme regioni meridionali e sulle due Isole maggiori.

Con l’innalzamento delle temperature è scattato l’allarme della Coldiretti per la siccità nelle campagne italiane. A rischio sono le semine primaverili di riso, girasole, mais e soia, ma anche le coltivazioni di cereali e foraggi, gli ortaggi e la frutta. Manca, infatti, l’acqua necessaria a irrigare le coltivazioni che si trovano in una situazione di stress idrico: nei primi cinque mesi del 2022 le precipitazioni si sono dimezzate. Nonostante le ultime piogge, il livello del Po, rileva la Coldiretti, è sceso al Ponte della Becca a -3,1 metri rispetto allo zero idrometrico, un livello più basso di quello raggiunto a Ferragosto. A versare in questo stato è l’intero bacino idrografico nazionale dal Nord al Centro e al Sud.

“Con il cambiamento della distribuzione nella pioggia dal punto di vista geografico e temporale – spiega l’associazione in una nota – in Italia per risparmiare l’acqua, aumentare la capacità di irrigazione e incrementare la disponibilità di cibo per le famiglie è stato elaborato e proposto da Coldiretti e Anbi un progetto immediatamente cantierabile per la realizzazione di una rete di piccoli invasi con basso impatto paesaggistico e diffusi sul territorio, privilegiando il completamento e il recupero di strutture già presente”. “Il progetto – conclude Coldiretti – è di realizzare laghetti, senza uso di cemento e in equilibrio con i territori, per conservare l’acqua e distribuirla quando serve ai cittadini, all’industria e all’agricoltura, con una ricaduta importante sull’ambiente e sull’occupazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il sindaco Sala ha un’occasione per mettersi al servizio dei ciclisti lombardi

next
Articolo Successivo

Stromboli, il paesaggio è drammaticamente compromesso. Ecco quanto mi dicono sul rogo

next