Alla presentazione del nuovo libro di Giovanni Orsina al Campus Luiss, Enrico Letta e Giorgia Meloni affrontano le fibrillazioni interne alla maggioranza di governo, innescate dall’elezione di Stefania Craxi a Presidente della Commissione Esteri del Senato, che ha mandato su tutte le furie Giuseppe Conte.

“Non c’è nessuna nuova maggioranza, semplicemente abbiamo scelto di votare il candidato del centrodestra rispetto al candidato del M5S” afferma Giorgia Meloni, che al presiedente del Movimento 5 Stelle manda a dire: “Se non condivide le scelte del governo, vada all’opposizione e se critica l’escalation che secondo lui il governo sta portando avanti ritiri il ministro Luigi Di Maio”.

Per Enrico Letta, l’lezione di Stefania Craxi “è stato un errore del centrodestra di governo”, che auspica che il governo arrivi “alla scadenza naturale della legislatura” anche se si dice “preoccupato perché gli incidenti si stanno accumulando e – conclude – troppi incidenti che si accumulano possono far deragliare una macchina di governo anche se non si vuole con il rischio che il governo deragli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, il gruppo degli ex M5s accoglie Vito Petrocelli: “Vittima della prepotenza governativa, noi gli unici non guerrafondai”

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, vox tra i parlamentari: “Evitare escalation nucleare”. Ma sull’invio armi restano divisi

next