Terra, acqua, vento e fuoco. Il nuovo titolo Disney Pixar ha il suo concept art. Ovvero una bozza di disegno dei caratteri principali con una lei a forma di fiammetta focosa e un lui come una goccia d’acqua bella nerboruta. La Pixar Animation Studios ha svelato i primissimi dettagli di Elemental. 27esimo lungometraggio del proprio ampio catalogo che uscirà negli Stati Uniti il 16 giugno del 2023, e in Italia molto probabilmente durante l’estate sempre del 2023.

Il film sarà diretto da Peter Sohn, regista de Il viaggio di Arlo, e sarà prodotto da Denise Ream (Il viaggio di Arlo e Cars 2). Il plot ufficiale appena diramato dalla casa madre vuole in scena la coppia degli opposti, Ember e Wade, che vive in una città i cui abitanti sono fuoco, acqua, terra e aria, ma che vivono tutti insieme. Nelle note ufficiali il rapporto tra i due viene descritto così: “L’ardente giovane donna e il ragazzo che segue la corrente stanno per scoprire qualcosa di fondamentale: quanto hanno davvero in comune”. La storia di Elemental è ispirata all’infanzia del regista, Peter Sohn, a New York. “I miei genitori sono emigrati dalla Corea all’inizio degli anni settanta e hanno costruito un frequentato negozio di alimentari nel Bronx”, ha spiegato Sohn. “Eravamo una delle tante famiglie che si erano avventurate in una nuova terra con sogni e speranze, in un unico crocevia di culture, lingue e piccoli bellissimi quartieri. Questo è quello che mi ha portato ad Elemental”.

Sohn ha anche spiegato che la partizione dei quattro elementi naturali porta spesso a mescolanze ma in molte altre occasioni no. E ha poi aggiunto: “E se questi elementi fossero vivi?”. Sohn, tra l’altro, ha fatto esperienza in Pixar come storyboard artist di Ratatouille, Up e WALL-E; ma soprattutto come doppiatore di molti iconici personaggi dell’animazione Pixar: è stato Emile, il fratello di Remy in Ratatouille e il Capitano Brace in Wall-E. Nel 2015 però giunse il suo turno a capo di un progetto Pixar che poi è diventato Il viaggio di Arlo, sorta di faticoso e pericoloso ritorno a casa di un apatasauro fifone e di un cavernicolo seienne. L’atmosfera tiepidina che sembra esserci attorno ad Elemental però deriva dal fatto che Il viaggio di Arlo è stato l’unico vero flop produttivo nella storia della Pixar: nonostante gli incassi fossero discreti, i costi alti di produzione e marketing fecero comunque segnare un meno 85 milioni di dollari nel computo totale della resa in sala del film.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nikola Tesla the man from the future, nel corto sulla vita dell’inventore l’esperienza si sdoppia: così il cinema diventa interattivo

next
Articolo Successivo

Esterno Notte, i 55 giorni di Aldo Moro nella opera seriale del maestro Marco Bellocchio. Anteprima mondiale a Cannes

next