Gli agenti della squadra Mobile il 10 maggio hanno arrestato un quarantaduenne italiano, sospettato di avere commesso numerose rapine alle farmacie e in altri esercizi commerciali di Torino, nei quartieri Barriera Milano, San Donato e Centro.

Sono in tutto 13 gli episodi contestati all’uomo che è stato riconosciuto grazie ai filmati dei circuiti di videosorveglianza interni ai negozi colpiti. Dodici le rapine aggravate effettivamente messe a segno, otto ai danni di sette diverse farmacie e quattro di altrettanti supermercati.

Collaudato il modus operandi utilizzato dall’uomo: approfittando delle mascherine indossate per la pandemia in atto, costringeva i malcapitati dipendenti degli esercizi colpiti a consegnare l’incasso, sotto la minaccia di armi di fortuna quali tubi da ponteggio, chiavi inglesi, bastoni o grandi spranghe di metallo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Peste suina a Roma, Francesco Feliziani (Istituto zooprofilattico): “È ancora possibile eradicare la malattia”

next
Articolo Successivo

Terremoto, scossa nella notte in provincia di Firenze: magnitudo da 3,7. Ingv: “In corso una sequenza sismica”

next