Il sogno di una vita: comprarsi una villetta immersa nel silenzio e nel verde della foresta di conifere, a due passi dal fiume e lontano dal caos della capitale. La cintura a nord di Kiev, sulla sponda sinistra del fiume Dniepr, bella e accogliente come una piccola ‘Svizzera’. Un privilegio che in pochi erano riusciti ad avere nella zona sud-orientale di Irpin, ridente e benestante cittadina piombata nell’incubo dell’invasione russa, le cui mire a inizio campagna militare erano l’irruzione trionfale a Kiev da nord e la presa del potere. Irpin è stato l’ultimo baluardo e ha pagato un prezzo altissimo. L’armata russa ha bombardato queste villette dal cielo riducendole in cenere. I cecchini dell’aria hanno distrutto tutte le case sulla destra e lasciando intatte quelle sul lato opposto della strada. In fiamme anche parte della foresta attigua. Tutta questa zona è deserta ora, come tutto il resto della città dove soltanto in questi giorni, a un mese esatto dalla liberazione di Irpin, gli abitanti stanno tornando per valutare i danni e decidere se vale la pena restare. Dati alla mano, l’80% degli edifici di Irpin ha subito danneggiamenti di cui il 20% è totalmente distrutto. Lungo la strada provinciale verso Gostomel, sede dell’aeroporto e delle base Antonov, gli edifici sono crollati come un castello di carte e quelli in piedi sono monconi carbonizzati e o bersagli delle granate. Sembra di stare nella Sarajevo dei tempi dell’assedio. In cima a un palazzo usato come base dai russi poi dato alle fiamme, siamo saliti sul tetto per ‘ammirare’ meglio la desolazione di uno scenario duro da digerire. Sul solaio dello stesso edificio i crateri provocati dalle bombe, lungo la tromba delle scale le immancabili ‘V’ nere dipinte con la vernice dall’esercito occupante prima di battere in ritirata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, attacchi e sabotaggi sul fronte russo. “Ecco perché si concentrano su Belgorod. Ma la resistenza può dilagare”

next
Articolo Successivo

Israele, due palestinesi accusati di essere responsabili dell’attentato a Elad. Abu Mazen: “Preveniamo l’escalation”

next