Sindaci, vicesindaci, assessori comunali sono stati rapiti dai soldati russi. Questo è il motivo per cui siamo in Italia. E ovviamente, dobbiamo parlare del futuro, della ricostruzione, dobbiamo fare tutto il possibile per rendere l’Ucraina un Paese europeo sviluppato. I russi mi hanno rapito perché volevano dimostrare al mondo e ai miei colleghi cosa sono in grado di fare con un sindaco democraticamente eletto, che non vuole aiutare o supportare l’invasione russa. Mi hanno portato in prigione per sei giorni”. A dirlo è stato il sindaco di Melitopol, Ivan Fedrov, che oggi ha incontrato Roberto Fico a Montecitorio. “Non sapevo cosa poteva succedermi, perché la vita degli ucraini per i russi vale zero. Solo una persona può fermare la guerra oggi: è Putin, se vuole. Ma ora non vuole. Infatti non capisco perché qualcuno data la fine della guerra all’8 o 9 maggio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cisgiordania, scontri tra manifestanti palestinesi ed esercito israeliano a Burqa

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, il food market di Odessa trasformato in un centro di raccolta di cibo e medicine per chi è al fronte

next