Dopo i multipli flop del Concorso Sud per l’assunzione di 2.800 tecnici specializzati nelle amministrazioni del Mezzogiorno per gestire i fondi del Recovery plan, il governo corre ai ripari. Nel decreto Pnrr varato due giorni fa si prevede infatti, su richiesta della ministra per il Sud Mara Carfagna, che le risorse non utilizzate potranno ora essere trasferite alle amministrazioni per contrattualizzare gli esperti di cui hanno bisogno ricorrendo alla chiamata diretta. I contratti saranno stipulati sulla base di uno schema predisposto dall’Agenzia per la Coesione, che definirà le modalità della collaborazione. Compresa la remunerazione, che si era rivelata uno dei tasti dolenti come ammesso l’anno scorso dal ministro della Pa Renato Brunetta.

Ma quello degli stipendi troppo bassi – tra i 1.400 e i 1.500 euro netti – per risultare concorrenziali con il settore privato è stato solo uno dei problemi che hanno impedito di assumere le figure richieste. Da subito gli interessati avevano fatto notare che il bando anteponeva la valutazione di titoli alle prove-selettive, penalizzando i neo laureati. Risultato: molti hanno rinunciato subito a partecipare. Lo stesso hanno poi fatto, per colpa delle condizioni poco appetibili, anche molti degli 81mila candidati che inizialmente avevano compilato la domanda e che avevano tutti i requisiti. Alla prova scritta si è presentato in media il 65% degli ammessi e, in alcune Regioni, non si è arrivati neppure alla metà dei 8.582 candidati ammessi per titolo. A quel punto il Dipartimento della Funzione Pubblica ha rivisto la soglia di sbarramento per la partecipazione alla prova scritta, ammettendo 70mila candidati di cui erano già stati valutati i titoli nella fase pre-selettiva. Si è arrivati a 1.483 idonei, tra cui però troppo pochi tecnici esperti.

A quel punto è stato emanato nuovo bando con l’obiettivo di reclutare 2.022 funzionari tecnici, ma in base agli esiti della prova scritta solo 728 sono risultati idonei. Così si ricomincia da capo, archiviando il fallimentare tentativo di procedere per concorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Recovery 2, un “portale del sommerso” contro il lavoro nero. Cambiano le regole per entrare nella pa: serve una lingua straniera

next
Articolo Successivo

Recovery in panne: nel 2021 spesi 5,1 miliardi contro i 13,7 attesi. Upb: “Ora rincari e carenza di materiali complicano il rispetto dei tempi”

next