Si può diagnosticare il covid anche solo dal il respiro. La Food and Drug Administration (Fda) americana – che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici – ha autorizzato il primo test per diagnosticare il Covid-19 che funziona rilevando nel respiro i composti chimici associati ad un’infezione da SarsCov2 in circa 3 minuti.

Il test si basa sull’utilizzo di un dispositivo che, attraverso una tecnica definita “gascromatografia-spettrometria di massa”, separa e analizza i composti presenti nell’aria, dopodiché rileva – qualora ci siano – i cinque composti organici volatili associati al Covid. Il “test del respiro” è stato condotto su un campione di circa 2.400 persone, anche asintomatiche, e ha dimostrato una sensibilità (ovvero la capacità di identificare correttamente i positivi) del 91,2% e una specificità (la capacità di identificare correttamente i negativi) del 99,3%. I risultati sono stati confermati anche in uno studio realizzato successivamente, quando la variante prevalente era la Omicron. Nel caso in cui il test rilevi un caso di positività, è prevista necessariamente una conferma del risultato con un tampone molecolare. “L’autorizzazione di oggi è un altro esempio della rapida innovazione nel campo dei test diagnostici per Covid-19” ha affermato Jeff Shuren, direttore del Center for Devices and Radiological Health della Fda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia Ucraina, l’Esa ha interrotto la cooperazione con Roscosmos sulle missioni lunari

next
Articolo Successivo

Covid, lo studio Usa: “La vaccinazione dei più piccoli ha contribuito a ridurre del 68 per cento il rischio di ospedalizzazione”

next