Due giovani sono stati arrestati dai carabinieri di Napoli per aver forzato un posto di blocco e investito due militari ed un ragazzo di 17 anni: sono accusati di resistenza, lesioni aggravate e oltraggio. I due, rispettivamente di 29 e 28 anni, erano già noti alle forze dell’ordine.

Il fatto è avvenuto ieri notte intorno alle 3.00, nel centro storico di Napoli: i carabinieri stavano facendo controlli nelle aree della movida quando hanno visto i due giovani, a bordo di uno scooter 300 cc, percorrere una strada contromano. I militari hanno intimato ai due giovani di fermarsi: all’alt i due hanno inizialmente rallentato, poi hanno iniziato ad accelerare, forzando il blocco e investendo il comandante della compagnia Napoli centro, un carabiniere della stazione San Giuseppe e un ragazzo di 17 anni che stava passeggiando lungo la via.

Gli altri militari hanno inseguito i due fino a Largo San Giovanni Maggiore, dove i due hanno perso il controllo del mezzo: una volta raggiunti dai carabinieri, hanno opposto resistenza e solo dopo una breve colluttazione sono stati bloccati e arrestati di fronte a molti ragazzi che stavano riprendendo e fotografando la scena con i cellulari.

Lo scooter è stato sequestrato. Il ragazzo di 17 anni e i carabinieri investiti hanno riportato diverse lesioni e traumi contusivi, ma nessuna delle ferite è grave e le loro condizioni di salute sono stabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, 63.992 nuovi contagi e 112 morti. Calano i ricoveri, stabili le terapie intensive

next
Articolo Successivo

Migranti, un altro naufragio nel Mediterraneo: Sea Watch salva 34 persone. L’hotspot di Lampedusa strapieno: 830 sbarcati in 48 ore

next