I 27 Paesi membri dell’Unione Europea hanno dato il via libera al quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Una decisione presa durante l’ultima riunione degli ambasciatori. Le sanzioni includono, tra l’altro, il graduale embargo all’import di carbone russo ma il Consiglio Ue, nella nota in cui annuncia l’ok formale alle nuove misure europee, specifica che l’embargo totale – come da indiscrezioni di giovedì – scatterà solo in agosto, tra 120 giorni. Il divieto di stipulare nuovi contratti scatta da subito ma, per i contratti esistenti, la fase di ‘phasing out’ durerà quattro mesi come richiesto dalla Germania e si concluderà, quindi, nella prima metà di agosto.

Il pacchetto prevede anche l’estensione della platea di personalità russe inserite nella black list europea. Ad ulteriori quattro banche, inoltre, viene imposto lo stop alle transazioni con l’Ue. I porti europei sono interdetti alle navi russe (quelle battenti bandiera del Paese e registrate presso i porti europei) ed è stato confermato anche il divieto di accesso alle strade dell’Ue per gli autotrasportatori russi e bielorussi. Con eccezioni in merito al trasporto di prodotti medici e farmaceutici, di aiuti umanitari e di prodotti alimentari, incluso il grano.

C’è poi lo stop all’import di una serie di prodotti russi (tra i quali cemento, legno e liquori) per un valore di 5,5 miliardi e il divieto di export dall’Ue di prodotti high-tech, per un valore di circa dieci miliardi. Con la fine della procedura scritta il quinto pacchetto sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea ed entrerà formalmente in vigore.

Anche il Giappone, annunciando nuove sanzioni contro Mosca per protestare contro le sue violazioni del diritto internazionale in Ucraina, ha annunciato che cesserà gradualmente l’importazione di carbone dalla Russia. “Adotteremo alternative e, riducendo gradualmente le importazioni, ridurremo la nostra dipendenza energetica dalla Russia”, ha detto il primo ministro giapponese Fumio Kishida alla televisione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, nella città di Chernihiv dopo la battaglia tra i due eserciti: di fronte ai palazzi mattoni rossi per segnalare le mine

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, il Nobel per la Pace Dmitry Muratov assalito in treno da uno sconosciuto: gli ha lanciato addosso vernice

next