Per la prima volta in 38 giorni Silvio Berlusconi condanna l’invasione russa dell’Ucraina. “Abbiamo un duplice dovere: quello di lavorare per la pace e quello di fare la nostra parte con l’Alleanza atlantica, con l’Occidente, con l’Europa, per porre fine a un’aggressione militare inaccettabile“, ha dichiarato il fondatore di Forza Italia nel saluto al congresso costituente di “Verde è popolare”, il nuovo soggetto politico dell’ex ministro Gianfranco Rotondi. Finora Berlusconi si era sempre detto genericamente preoccupato “per la situazione internazionale” o “per l’escalation del conflitto”, senza mai condannare una delle due parti. Ma ancora non è riuscito a pronunciare il nome del presidente russo Vladimir Putin, a cui è legato da un antico rapporto di amicizia e da cui non ha mai ufficialmente preso le distanze.

“Berlusconi ha fatto tutto quello che poteva per fare cessare la guerra e non ci sono tentennamenti nella partecipazione alla Nato e all’Occidente”, lo giustifica su RaiNews il coordinatore nazionale del partito Antonio Tajani. Mentre il segretario di Sinistra italiana Nicola Fratoianni infierisce sull’omissione: “Vedo che Berlusconi considera l’invasione russa dell’Ucraina inaccettabile. Meno male. Berlusconi continua però ancora una volta a non nominare Putin. Chissà perché, forse è l’imbarazzo per averci fatto scampagnate, e pure quegli accordi per il gas di cui vediamo in questi giorni le conseguenze”, scrive su Twitter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Will Smith, si prevedono tempi durissimi. L’Academy pronta a cacciarlo: “Si è anche rifiutato di andare via dopo lo schiaffo a Chris Rock”

next
Articolo Successivo

M5s, Todde: “Accuse di Casaleggio? Pretestuose, le rimando al mittente. Nostro no al Tap nel 2014? Quasi tutta la Puglia era contraria”

next