Un imprenditore russo, che risiede a Mosca, ha messo a disposizione una delle sue quattro ville che si trova a Punta Ala (Grosseto) per ospitare profughi ucraini. Al momento, riferisce La Nazione, nella villa si trovano 5 donne e 2 bambini scappati dalla guerra in Ucraina, ma date le dimensioni dell’immobile sarà possibile accogliere altre persone. L’imprenditore possiede quattro ville a Punta Ala: una per sé, due per i figli, e una che viene affittata in estate, quella in cui vengono ospitati i profughi ucraini.

La sindaca Elena Nappi ha detto che “fino a giugno possiamo contare su questa disponibilità”, mentre per il periodo estivo sono “pronte altre soluzioni di alloggio perché con ogni probabilità la villa tornerà a essere affittata a vacanzieri stranieri”.

“Nel nostro comune ci sono cittadini russi perfettamente integrati“, ha proseguito la sindaca: “Vivono con noi quasi tutto l’anno e hanno sempre dimostrato una grande sensibilità verso le necessità del paese e delle persone che sono in difficoltà, partecipando alle diverse attività solidali che organizziamo e spesso elargendo anche aiuti in denaro“.

Foto di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crotone, bambina ucraina investita e morta sul colpo: arrestato 18enne alla guida dell’auto

next
Articolo Successivo

Brescia, un 28enne sequestrato e torturato per cinque giorni: due arresti. Dietro al rapimento l’ipotesi dei debiti legati allo spaccio di droga

next