“Spero che mi sentiate, si sentono i colpi nell’aria e la situazione è molto tesa“. Inizia così il collegamento di Massimo Giletti in diretta da Odessa nella puntata di Non è L’Arena andata in onda nella serata di domenica 20 marzo. Il giornalista è inviato sul fronte di guerra in Ucraina, in particolare nella città portuale epicentro dei combattimenti degli ultimi giorni. Proprio mentre era collegato dalla piazza principale è iniziato a sorpresa un attacco aereo e in sottofondo si sono sentiti nitidamente gli spari in corso. “C’è un attacco russo in corso a sorpresa. Questa è la contraerea, forse è in corso un attacco con i droni. Non sappiamo cosa sta succedendo ma questa è la situazione”, ha spiegato Giletti.

E ancora: “Non so per quanto tempo possiamo stare ancora fuori, qui sta succedendo qualcosa“, ha aggiunto mentre il rumore degli spari si faceva sempre più forte. Quindi la telecamera ha inquadrato prima il cielo dove si vedevano nitidamente i “traccianti in aria” dei droni e poi un gruppo di soldati che attraversava la piazza a pochi metri da loro. “Non è scattato l’allarme aereo ma ci stanno facendo cenno che dobbiamo rientrare nel rifugio. Stiamo vivendo in diretta un attacco che non è stato neanche annunciato”, ha detto ancora Giletti mentre in cielo si vedevano sempre più luci. Quindi, ha salutato il pubblico e chiuso il collegamento per continuare poi la trasmissione nel bunker dove era stato allestito una sorta di “studio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gianfranco Funari, un doc lo celebra senza farne un santo. Mi disse: ‘Che sono un genio devono dirmelo da vivo’

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, il consigliere di Navalny a La7: “Putin vuole ristabilire il controllo sulle repubbliche ex Urss, è pronto a tutto”

next