“Ho passato la notte qui in una stazione della metropolitana di Kiev per ripararmi. Sono uscita soltanto un attimo stamattina per comprare un po’ di cibo, delle lenzuola e un cuscino per stare qui almeno altri due giorni”. Queste le parole di Anastasiya Menzhega, 25 anni, architetto e designer ucraina, in un video inviato a Ansa. La giovane è nascosta da ieri nella metropolitana della capitale ucraina per sfuggire alle esplosioni che da ieri mattina si susseguono dopo l’invasione russa. “Le persone sono disperate – racconta – perché sono passate più di 24 ore e ancora siamo qui. Fino ad adesso, ne ho conferma diretta, me lo dicono i miei amici che si trovano lì, sono state colpite dai russi le città più grandi del Paese e adesso ci sono notizie della presenza di militari russi nella zona nord di Kiev e nei piccoli comuni satellite attorno alla capitale. Speriamo bene”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Nave da guerra russa, vai a farti fot…”: la risposta dei 13 soldati ucraini che non si sono arresi per difendere l’isola dei Serpenti

next
Articolo Successivo

Ucraina, dentro il rifugio di fortuna a pochi chilometri dal fronte: così una famiglia resiste nel villaggio evacuato. La video-testimonianza

next