“Difficilmente ci si trova in questa situazione con un governissimo dove sono dentro tutti i partiti e ce n’è solo uno fuori. Paradossalmente doveva essere la condizione ideale per eleggere un presidente della Repubblica, però il problema è che questo governissimo è composto da due entità che sono, per le future elezioni, separate e quindi come abbiamo fatto ad arrivare a questo punto?”. Luca Sommi, conduttore di Accordi&Disaccordi, il talk in onda sul Nove tutti i venerdì alle 22.45, ha chiesto a Massimo Cacciari di spiegare come si sia finiti al quinto giorno di votazioni senza aver raggiunto alcun risultato, se non al termine dell’ultimo giorno, la dichiarazione di volere una donna al Colle da parte di Salvini e Conte. “Molto semplice: per incapacità totale da parte delle due forze politiche che avrebbero dovuto comprendere, anche per proprio vantaggio, che dovevano accordarsi per tempo per l’elezione di un presidente della Repubblica concordato, – ha detto il filosofo – onde evitare lo scassamento del governo e onde preparare anche, perché tra un anno si vota, le prossime elezioni politiche, in cui, se queste due forze politiche non si presentano con qualche accordo, con qualche intesa verranno massacrate meritatamente. Questo è il punto. – ha proseguito – Sono due forze politiche che sono in mano a persone schiave di divisioni interne o persone assolutamente, diciamo così, politicamente molto deboli, e quindi questo accordo non c’è stato e si sono presentati da perfetti dilettanti all’elezione del presidente della Repubblica senza uno straccio di accordo in mano. A questo punto, qualunque sarà la soluzione, sarà una soluzione che indebolirà comunque questo governo, perché anche se vanno su un nome comune alla fine, per extrema ratio le divisioni interne e i sospetti si moltiplicheranno. Quindi, comunque sia questo governo, anche se continuerà a Draghi eccetera, sarà un governo molto più debole del precedente. E mentre noi parliamo di questo e di altre amenità in questo Paese dimentichiamo che a giugno ci sarà la prima verifica che faranno le autorità europee su come vanno le nostre faccende economico finanziarie.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Cacciari ospite di Accordi&Disaccordi in diretta venerdì 28 gennaio alle 22.45 sul Nove. Con Marco Travaglio

next
Articolo Successivo

Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Renzi non vuole Elisabetta Belloni al Colle? È ossessionato dai servizi segreti”

next