“Renzi si appone alla Belloni al Colle? Credo che prima o poi ci spiegherà la sua ossessione per i servizi segreti. Tra l’altro a Natale 2020 incontrava un agente del Dis, Marco Mancini in un autogrill vicino Roma”. Così Marco Travaglio nel suo intervento settimanale ad ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico in onda il venerdì alle 22.45 su Nove, ha commentato quanto scritto dal leader di Italia viva su Instagram a proposito di Elisabetta Belloni, la candidata, proposta da Salvini e Conte al ruolo di presidente della Repubblica: “L’idea che il capo dei servizi segreti in carica diventi presidente della Repubblica è per me inaccettabile. Si tratta di una deriva anti-istituzionale che non ha precedenti – ha scritto Renzi – Noi non voteremo Elisabetta Belloni, che è una mia amica, ma dai servizi segreti non si va al Quirinale. Chi non lo capisce nella cultura istituzionale”. “Salvo incontrarla all’autogrill e farsi regalare i dolcetti – ha ironizzato Travaglio – Io credo che questo signore prima o poi ci spiegherà la sua ossessione per i servizi segreti, perché sotto il precedente governo non voleva l’autorità per la cybersecurity, dopodiché l’ha fatta Draghi e applausi. Poi voleva assolutamente che Conte mollasse la delega ai servizi segreti, che spetta per legge al presidente del Consiglio, che se vuole può delegarla. Dopodiché abbiamo scoperto che lui alla vigilia di Natale del 2020 – ha proseguito – aveva incontrato il vice del capo dei servizi segreti in un autogrill di nascosto e lo abbiamo scoperto perché una persona che passava di lì lo ha filmato, mandando la cosa a Report, altrimenti non l’avremmo mai saputo… A proposito di “cultura istituzionale” e di sgrammaticature istituzionali. Poi Renzi ha sempre detto che tutto ciò che non è vietato dalla legge si può fare, tant’è che lui dice sempre questa frase quando va a prendere i soldi da un assassino come Bin Salman, e quindi non si capisce per quale motivo se non è vietato dalla legge eleggere presidente… E poi deve eleggerla il Parlamento eh, non è mica che ce la mandano i servizi segreti o le barbe finte, o la P2. Poi è ovvio che si dimetterà da quel ruolo, che ripeto non è un ruolo operativo, ma è un ruolo di coordinamento“, ha concluso il direttore de Il Fatto Quotidiano.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinale, Cacciari ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Perché non si trova un accordo? Pd e M5S si sono presentati da perfetti dilettanti”

next
Articolo Successivo

Scanzi ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Belloni al Colle? Ipotesi migliore. Il Pd non deluda per timore di far ‘vincere’ Conte e Salvini”

next